Utente 808XXX
salve cari dottori..
sono sempre io..un ragazzo di 18 anni...forse dopo tante notti passate a pensarci ho capito quale sia il problema ke ho alle mie erezioni debolissime..allora x fare un riassunto io sto cn una raga con cui ho avuto il mio primo rapporto...d'apprima si ci metteva l'ansia...ke al momento della penetrazione mi mandava in cilecca...ma fin qui tutto normale...poi e successo ke col tempo mi tranquillizavo sempre di più,ma non così tanto da avere la stessa rigidità dei preliminari,ma ci abbiamo provato lo stesso,quindi sto pensando ke forse ho forzato il pene..perchè ricordo ke quando spingevo ne risentiva l'asta..proprio un fastidio ke veniva proprio dall'interno...cominciò poi a prendermi anke un blocco già dall inizio,in cui non avevo nessuna erezione..e quando riuscivo ad averla risultava debole...l'asta era troppo molla,morbida...ma poi passava...ora invece sono rimasto così!!! sarà qualke lesione all'asta??sono andato da un andrologo ke mi ha diagnosticato varicocele bilaterale...e a vista dei miei problemi mi ha fatto fare un analisi del sangue credo x vedere se ci siano problemi organici...se esista un difetto all'asta con questo esame del sangue si vede?perchè per me e sicuramente questo il problema della causa...al dottore non glielo fatto presente perchè solo adesso ci sto facendo caso...dopo le varie prove ad avere erezioni mi accorgo sempre ke il pene e debole...ma soprattutto l'asta non e più quella di prima...ke era dure e rigida...ora non lo è più...forse e questa la causa...con un asta debole le erezioni non possono essere rigide sarà sicuramente questo...voi ke ne dite? e si vede nel test del sangue o dovrei farne uno specifico?grazie cordiali saluti..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro giovane lettore ,
bisogna ricontattare il suo andrologo e spiegargli per bene, senza nascondergli nulla , il suo vero problema. L'indagine indicata poi può essere solo l'inizio perchè , anche in presenza di un varicocele , altre sono le valutazioni da fare oltre all'esame del sangue.
Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

spesso pazienti con varicocele ( patologia del sistema venoso testicolare) presentano analoghi problemi a carico del sitema venoso dei corpi cavernosi con difficoltà ad ottenere una ottimale rigidità e a mantenerla per un tempo adeguato
Senta il suo andrologo , magari qualche notizia in più su www.andrologia.lazio.it
cari saluti