Utente 396XXX
Gentili Dottori,
avendo perduto i dati di accesso non posso continuare a scrivere nella richiesta di consulto precedente (
http://www.medicitalia.it/consulti/Andrologia/492080/Varicocele-4-grado-ECD-con-inguinoscrotalgia-e-indicata-la-scleroembolizzazione)

Sono passati 10 giorni dall’intervento del varicocelere di 4 grado a sinistra , eseguito mediante scleroembolizzazione della vena spermatica interna dal Medico Radiologo Interventista.
Nessun dolore particolare legato all’intervento , da subito non ho piu avvertito il dolore pungente sul lato sinistro dello scroto che avevo soprattutto in posizione eretta e camminando, anche il rigonfiamento delle vene del varicocele è sparito , però l’algia scrotale è rimasta invariata. I testicoli li sento ancora pesanti e dolenti e quando il dolore aumenta lo sento anche al basso ventre e all' inguine , il formicolio che avvertivo allo scroto è sempre presente come anche il movimento dei testicoli molto fastidioso.
Inoltre facendo pressione all'attaccatura dello scroto sulla parte sinistra sento come un tubicino che scende e premendo li il dolore è vivo, come fosse infiammato .
Dall'ecografia eseguita prima dell'intervento oltre al varicocele di 4 grado era emerso quanto segue : “A destra l’epididimo presenta a livello del corpo e della coda una chiazza di ipoecogenicità a contorni sfumati come per flogosi in questa sede. Anche a sinistra si nota edema del corpo dell’epididimo. Piccola cisti di 4mm sulla testa dell'epididimo di sinistra ”.
L’Andrologo non ha dato peso agli epididimi,non ne ha neanche accennato dopo aver visto l'ecografia, e dopo avermi visitato nella lettera al medico curante specifica "epididimi non dolenti" .
Dopo gli esami delle urine risultati negativi mi aveva solo prescritto una breve cura di antibiotici, 8 o 9 giorni, che non ha avuto effetto, quindi ho fatto una spermiocultura anche questa negativa .
Fra tre mesi ho l'ecografia e la visita di controllo per l’intervento .
Da quel che ho capito non è facile fare una diagnosi di questi dolori ma se il dolore non si risolvesse si potrebbe pensare all'infiammazione degli epididimi come la causa di tutto ?

Lavoro al computer e prima della comparsa dei dolori ho sempre fatto sport.
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

dieci giorni sono un pò pochini per verificare se il problema è il varicocele e se l'intervento lo ha risolto.

Comunque, se il dolore non si risolvesse, si potrebbe pensare anche all'infiammazione degli epididimi come la causa di tutto.

Risenta ora in diretta il suo andrologo od urologo di fiducia, cioè il medico che l'ha operata e poi, se lo desidera, ci riaggiorni.

Un cordiale saluto.




[#2] dopo  
Utente 396XXX

Iscritto dal 2015
Grazie molte Dottore,farò in modo di risentire l'Andrologo che mi ha visitato e mi ha
prenotato per l'intervento perchè il medico che mi ha operato è il Radiologo Interventista.
Farò notare anche quel dolore vivo che sento premendo dove ho detto perchè
ai tempi dell'ultima visita,sette mesi fa, non l'avevo ancora individuato e l'andrologo fin li in alto non ha toccato.
Oltre a far proprio male ho notato alcune settimane fa che quel "cordoncino" è molto piu testo e duro , di quello controlaterale sulla destra che oltre a non essere dolorante quasi non si sente
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene!