Utente 396XXX
Salve a tutti.
Ad agosto mi e' stato trovato in zona perianale un piccolo condiloma. Il ginecologo non dette neanche più di tanta importanza al tutto chiedendomi se era semplicemente un pezzettino di carne avuta in quella posizione da sempre.
Per scrupolo rispondo di no e caso ha voluto che dopo pochi mesi l ho visto palesemente crescere e aumentare di numero... Ovvero facendo nascere altri condilomi non più sporgenti ma piatti e bianchi (Nell arcondi due mesi e mezzo).
Faccio un passo indietro e vi dico che sono io in persona a volere intervento asportatore e pap test.
Quest'ultimo risulta negativo e l'intervento di Colposcopia che sapevo di dover subire diventa appunto un intervento di DTC .
Quando domando la gravità della cosa al ginecologo (premetto che non ho sentito belle voci su di lui) mi risponde che anche se il pap test e' negativo comunque e' stato il papilloma virus a farmi venire queste escrescenze e fin qui ci siamo. E che con il pap test si esclude solo il contagio interno... Ok... Ma allora mi domando.... Perché non fare una biopsia e vedere la gravità della cosa? Perché asportare direttamente? Nel ticket compare Colposcopia ma non penso l abbia fatta visto che ha ammesso di aver bruciato per sbaglio anche una sporgenza di peli incarniti!!! Sorvoliamo!
Ma soprattutto ora le mie domande sono.... Andrà mai via questo virus? Ogni quanto dovrò ripetere pap test e visita ginecologica? Trattandosi di verruche e' meglio rivolgersi ad un dermatologo per una visita piuttosto che un ginecologo? Perché se il mio ginecologo ha utilizzato tanto allarmismo in fase post operazione l ostetrica che mi fece il pap test a suo tempo mi disse che in caso di esito negativo potevo evitare la Colposcopia?
Scusate per l ansia trasmessa... Ma la chiarezza ricevuta dai medici e' stata ben poca.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissima, consideri che lo specialista di riferimento per il management di queste lesioni è sicuramente il dermatologo venereologo.

Ovviamente è lui che deve riferirsi per la valutazione di queste lesioni e per la completa eradicazione delle stesse. Le indico inoltre un articolo del sottoscritto per un approfondimento su questo tema:

http://www.medicitalia.it/minforma/dermatologia-e-venereologia/602-fa-hpv-uomo-donna.html

Cari Saluti
Dr Laino