Utente 396XXX
Buonasera, tempo fa ho scritto del mio problema e cioé che qualche mese fa ho fatto "cilecca" con una ragazza, specifico che non era la prima volta che stavo con lei e prima non mi é mai successo, comunque da allora sono andato un po in paranoia nel senso che , da allora, ogni volta che ho avuto un rapporto con lei mi concentravo non tanto su di lei quanto piuttosto su di me nel senso cercavo di capire se le mie erezioni erano come quelle che ho semprr avuto. Per altri motivi la nostra storia é finita peró miné rimasto questa specie di tormento dentro cioé la paura che mi possa ricapitare. Ora ho notato che durante la masturbazione la mia erezione non é vigorosa come prima di quella defaiance, tra l altro giorni fa ho notato del sangue nello sperma

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
quando inizia il "tarlo" del dubbio sulla propria adeguatezza, questo si può presentare anche durante la masturbazione. Esistono strategie comportamentali per superare queste dinamiche, di pertinenza psicosessuologica. Ma in prima istanza le suggerirei una valutazione complessiva del problema in ambito andrologico. Ci faccia poi sapere.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

una "cilecca" può capitare sempre magari con maggiore probabilità quando un rapporto sta in fase di "stanca"
Non se ne faccia un problema. Effettui uno spermiogramma (come dovrebbero fare tutti i maschi dopo i 18 anni) con una spermiocoltura copn antibiogramma e si faccia vedere da un andrologo (anche questo dovrebbe essere fatto da tutti i maschi...) che possa valutare meglio i suoi sintomi
cari salutiu
[#3] dopo  
Utente 396XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille per le risposte vi faró sapere a breve
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Aggiungo qualche riflesisone a quelle già rivecute


"da allora, ogni volta che ho avuto un rapporto con lei mi concentravo non tanto su di lei quanto piuttosto su di me nel senso cercavo di capire se le mie erezioni erano come quelle che ho sempre avuto"

In sessuologia si chiama " spectatoring", cioè la tendenza - ovviamente disfunzionale - all'auto osservazione dei genitali, una sorta di monitoraggio in corpo d'opera, perdendo di vista il piacere..
Le frasi ridondanti soglia ente sono:

Ce la farò?
Porterò a termine il rapporto?
La mia erezione sarà valida?
Sarà sufficiente?
Durerà fino alla fine, e così via..

Le allego delle letture ed un canale salute, dove troverà ben spiegato lo spectatoring e tutto quello che concorre a rendere la sessualità poco spontanea o disfunzionale

http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html
http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-