Utente 397XXX
Gentili Dottori,
Ho 26 anni ed ho un rapporto stabile con il mio compagno da ormai sei anni, abbiamo avuto sempre rapporti protetti dalla pillola contraccettiva. Da due anni a causa di un innalzamento del mio colesterolo, il ginecologo ha ritenuto opportuno procedere alla sospensione della stessa. Da allora ho rapporti non protetti e temo di essere rimasta incinta. Ho un buon rapporto con il mio corpo e mi sento abbastanza convinta nel riconoscere in lui, sintomi anomali. Veniamo al punto, ho un ciclo abbastanza regolare 28-30 gg, di solito avverto i sintomi dell'ovulazione tra 11 ed il 13 giorno del ciclo. Questo mese le mesturazioni sono arrivate il 16 Novembre ed ho avuto diversi rapporti non protetti, la notte tra il 28 ed il 29 dello stesso mese. Ero al 13º giorno pm e da quello in poi ho iniziato ad avere perdite "strane". Certa di aver mnemonicamente registrato tutti gli sviluppi di questi giorni riporto che, i rapporti (avvenuti senza precauzioni e con coito interrotto) sono stati più dolorosi del solito, ho avvertito dolore ogni volta che il mio compagno arrivava in profondità. Dal 1º dicembre ho avuto perdite ricche, corpose, bianche-gialle dall'odore sgradevole, tanto da farmi pensare ad un infezione o ad una candidosi. Le perdite dureranno con dolore pelvico per 3 giorni. Intanto arrivo al 4º giorno dal presunto concepimento, ho un'altro rapporto con il mio ragazzo, vado in bagno e convinta di dover espellere feci, mi ritrovo a passare la carta prima sul retto poi in avanti e di trovare una perdita gelatinosa color caffè, rosa pallido, e di trovare una macchia colata del colore medesimo al centro del water. Mai avuto spotting tra un ciclo e l'altro e mancano almeno 8 giorni per l'arrivo delle rosse. Credo di poter parlare quindi di un'avvenuto concepimento e di riscontrare in questo fenomeno l'annidazione dell'ovulo fecondato. Quando posso effettuare le beta? Quando posso andare a fare un eco per avere conferma? Devo attendere il ritardo anche a seguito di questo "unico" episodio di "spotting"?
Ringrazio anticipatamente,
In attesa di una risposta i miei fiduciosi saluti.
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se le mestruazioni sono comparse il 16 novembre, le perdite che lei riferisce potrebbero riferirsi ad uno spotting ovulatorio, tipico, con sintomatologia tipica.
Dal periodo ovulatorio potrebbe eseguire un test dopo almeno 20 giorni, per una ecografia è troppo presto .
Almeno deve attendere un test positivo
Salutoni
[#2] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Egregio Dottore,
La ringrazio sentitamente per la risposta.
Mi perdoni se chiederó ulteriori delucidazioni. Tenendo presente il metodo Ogino Knaus con una fase luteale di 30 giorni e considerando la data di inizio di queste il 16 Novembre, l'ovulazione sarebbe già avvenuta tra il 26 ed il 29 di Novembre e quindi le perdite tra il 1º dicembre ed il 3 non credo possano testimoniare, un ovulazione. È certo, ne sono consapevole che senza controllare TB o il muco io non possa dire con certezza, quando e se ho ovulato o meno ma, mi chiedo se così fosse, se avessi ovulato tra il 26-29 dicembre, quella perdita più scura e gelatinosa è riconducibile ai giorni della nidazione? Per ora non cerchiamo un bambino e quindi il mio ragazzo ha sempre eiaculato all'esterno, ma il liquido preseminale in concomitanza dell'ovulazione e a quella perdita, mi fa pensare che qualcosa sia andato storto. Attendo l'arrivo delle rosse tra il 14-16 Dicembre, ora ho perdite giallo scuro, direi che tendono ad un arancione pallido, le controllo in modo maniacale consapevole di dover attendere per avere conferma del mio "stato". Insieme al colore noto dei fastidi intimi e alcuni dolori muscolari nella parte bassa della vagina. Mi saró presa qualche infezione? Vado dal ginecologo?

Spero di poterLe comunicare i prossimi sviluppi.
Grazie per la Sua presenza.
Saluti.