Utente 380XXX
salve, mi scuso per eventuali errori essendo la prima volta che scrivo in questo sito. vi scrivo per porvi un quesito: sono una donna di 39 anni operata al seno x un tumore, in cui mi sono stati asportati 41 linfonodi ascellari , di cui poi nessuno è risultato positivo, ora a distanza di due anni , da un paio di mesi è sopraggiunto un Linfodema al braccio operato, con conseguente gonfiore e limitata mobilità e dolori diffusi, che mi rendono estremamente difficoltosi i più comuni movimenti, oltre che l,uso del braccio per lo svolgimento di una qualunque attività lavorativa. premesso che dopo l'operazione e la chemioterapia mi era stata riconosciutà un invalidità del 100%, e in seguito diminuita fino al 80% , ora col sopraggiunto problema al braccio dovuta al LINFEDEMA, vorrei chiedere se ho la possibilità di chiedere Aggravamento per avere riconosciuta una percentuale maggiore di invalidità , in quanto mi ritrovo il braccio sinistro quasi del tutto inutilizzabile per lo svolgimento di qualsiasi attività lavorativa. In attesa di una risposta, le porgo i più cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Gilberto Marcello Boschiroli
24% attività
8% attualità
8% socialità
CINISELLO BALSAMO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Carissima signora,
Per la mia esperienza personale in casi simili è molto difficile ottenere un aggravamento oltre 80% con la patologia da lei descritta. Senta tuttavia il suo medico curante sull'opportunità di fare domanda, in quanto il comportamento di ciascuna commissione di invalidità è molto diverso a seconda della ASL dove opera.