Utente 100XXX
Salve,
ho 38 anni e mi è stata diagnosticata una ipertensione arteriosa, oltre che una lieve miocardiopatia ipertrofica. Per la miocardiopatia non mi è stato dato nessun medicinale: gli specialisti hanno demandato al medico di famiglia, dicendo che la terapia per l'ipertensione avrebbe giovato anche alla miocardiopatia.

Il medico di famiglia mi ha dato come terapia il nebivololo. La mia domanda è questa: ho letto che i betabloccanti possono avere effetti negativi sull'erezione (e non so se anche sulla fertilità). Esistono betabloccanti senza queste controindicazioni? Quali sono i betabloccanti normalmente consigliati per un maschio di 38 anni, in età fertile? Ho letto che qualcuno consiglia per l'ipertensione i sartani, ma altri dicono che comunque hanno effetti negativi su erezione/fertilità.

Grazie,
Marco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non si tratta di controindicazioni, ma di effetti indesiderati...del resto i betabloccanti agiscono come inibitori del sistema adrenergico e quindi è quasi inevitabile una riduzione della libido....
ma forse non sono la categoria di farmaci antipertensivi più indicati per lei, che è un soggetto giovane. Personalmente opterei per altre molecole, ma questo non posso deciderlo io a distanza. Si affidi ad un bravo cardiologo.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno dott. Rillo,
la ringrazio per la risposta.

Sto cercando un cardiologo per una visita, o un centro per l'ipertensione. Vorrei sapere, a titolo puramente informativo, quali sono le molecole a cui si riferisce, indicate come prima scelta per il trattamento dell'ipertensione (e lieve miocardiopatia) in un soggetto giovane.

Grazie,
Marco
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi, è mia abitudine non fare terapia senza una guida...nel caso specifico farei un Holter pressorio delle 24 h senza farmaci per stabilire la reale presenza di valori elevati e se sistolici, diastolici o di entrambi i tipi e se prevalentemente diurni o notturni o di entrambi i periodi...
La terapia sarà conseguenziale e di tipo "sartoriale", ossia mirata al paziente e non solo al problema...
Noi disponiamo di tante molecole antipertensive non a caso; ce ne sono di più efficaci di altre (anche a dosaggio più basso), di attive maggiormente sui valori sistolici o su quelli diastolici, ci sono quelle che agiscono meglio di notte e quelle che agiscono meglio di giorno....
La cardiomiopatia ipetrofica va trattata se ce n'è la necessità utilizzando betabloccanti ad azione centrale o meno, ma ripeto in base a una serie di criteri che non sono solo di tipo cardiologico, ma anche aritmologico.....
Di più non mi chieda perchè a distanza non posso purtroppo far nulla per lei.
Saluti