Utente 398XXX
Salve carissimi dottori,
Vi scrivo essenzialmente per avere una vostra opinione riguardo ad un'incognita che riguarda la finasteride.

Sono assuntore del farmaco da tanti mesi ormai, alla dose di 0,5/1 mg giornaliero, per la cura dell'alopecia androgenetica.

Da aggiungere anche che soffro di depressione, un tempo severa e aggravata dall'ansia di perdere i capelli, ora invece leggera e tendenzialmente ansiosa (ma non come un tempo!), forse grazie anche al risultato ottimo della finasteride sui miei capelli!

Senza dileguarmi, partecipo a numerosi forum attivi, in cui si discute di calvizie e cure ed è venuto fuori un pò ovunque che la finasteride sembra essere collegata a manifestazioni depressive in chi ne fa uso. Oltretutto ci sono stati vari trial clinici e studi a riguardo (perdonate il linguaggio poco tecnico) che affermavano appunto che molti utilizzatori di finasteride sembra abbiano avuto depressione in seguito all'assunzione del farmaco.

Oltretutto vorrei aggiungere che persino nel bugiardino è stato inserito il sintomo depressivo nella dicitura "effetti collaterali non noti".

Voi come vi esprimete a riguardo? Sono studi attendibili? Avete casi noti di depressione indotta?

Non vorrei mollare il farmaco proprio ora che mi sta dando risultati, ma anche poter vivere l'assunzione in sicurezza e tranqulllità.

Intanto in attesa di una vostra risposta, vi ringrazio anticipatamente e vi mando un saluto
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
gentile utente
non è stato dimostarto con sicurezza l'effetto finasteride / depressione;
[#2] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
Ma a parere vostro le prove dei vari studi effettuati (compresi quelli di alcuni ricercatori italiani di Milano) possono essere validi? O sono tendenzialmente superficiali o ancora insufficienti?

Angoscia un pochino sapere che somo stati svolti questi studi e scoprire che sul bugiardino, sotto la frequenza di effetti collaterali "non noti" sia stata inserita la depressione..
[#3] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati
disponibili)
significa che non è stato rilevato un nesso causa effetto con sicurezza; tnga presente che durante le sperimentazioni cliniche vengono annotati tutti gli effetti riscontrati anche se non sicuramente correalti al farmaco in sperimentazione, nella mia attività professionale di psichiatra non ho mai riscontrato disturbi depressivi in soggetti che assumono finasteride questo non esclude che fra tanti qualche paziente possa manifestare tale effetto collaterale
[#4] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
grazie mille dottor Vannucchi per la risposta.

Correggerei l'errore che ho fatto poco prima: rileggendo il bugiardino, la frequenza dell'umore depresso è inscritta nella categoria "non comune".

Ma può essere che questo umore depresso possa insorgere in seguito ad un calo della libido di cui magari non si è nemmeno consapevoli, piuttosto che a causa di uno squilibrio chimico?

Si parla oltretutto di diminuzione di produzione di allopregnanolone per via dell'inibizione dell'alfa reduttasi tipo 1 e di conseguente stadio depressivo o di ansietà. Sapete se vi è reale correlazione?
E se esiste un iter diagnostico per osservare se vi è stata una diminuzione netta di questo ormone?

Insomma, lo studio rimane ancora aperto ma, se da un lato il farmaco sta aiutando tantissime persone affette da AGA, ad altri sfortunati potrebbe introdurli in un limbo assai peggiore. Ed io rimango combattuto, perchè il farmaco mi ha restituito una serenitá che non avevo da anni (ansia e depressione per la caduta dei capelli), ma dall'altro spero che non mi riporti agli stati precedenti proprio per via di un effetto collaterale
[#5] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Il mio parere personale è di assumere la finasteride(i cui dosaggi sono molto più bassi rispetto ai 5mg utilizzati nell'ipertrofia prostatica) per contrastare la perdita di capelli con la massima serenità
[#6] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
Quindi a suo parere posso assumerlo tranquillamente e inscrivere questi strascichi di depressione o ansia a realtà più psicologiche che chimico/biologiche?

Dottor Vannucchi, la ringrazio veramente tanto per l'interessamento e per il suo parere, avercene di medici, compresi quelli di famiglia, che rispondono repentinamente come lei!

[#7] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Confermo che può continuare ad assumerlo senza problemi e con la massima tranquillità (è peggio la depressione in seguito alla perdita di capelli!!)
[#8] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
Anzitutto auguri di buon anno Dottor Vannucchi. Spero abbia passato bene queste vacanze!

Volevo chiederle, approfittando dei suoi studi in farmacologia, se finasteride può avere effetti collaterali sulla peluria del viso, come la barba. Ho ancora 23 anni, la barba pur essendoci, è in via di sviluppo e mi preoccupa che non si formi completamente o ancor peggio che si indebolisca, scompaia o si assottigli.

Lei ha qualche informazione da darmi in merito?

Le mando un saluto e la ringrazio
[#9] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Auguri anche a Lei
per quanto di mia conoscenza e per esperienza professionale non ci sono alterazioni evidenti della barba, a livello cutaneo gli eventuali effetti collaterali sono il rash ed il prurito da reazione allergica (molto raramente)
[#10] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille per la risposta dottor Vannucchi, sempre gentile lei!

Da un paio di giorni ho cominciato a fare uso di iperico 300mg/die sotto consiglio di una specializzanda di medicina, solo che mi ha anche parlato di una possibile interazione con finasteride, dicendomi che ne velocizzerebbe l'assorbimento.

A questo punto, se secondo lei è vero ciò, come gestire il rapporto dosaggio iperico/finasteride? Vorrei poterlo usare, ma anche vorrei evitare che la finasteride perda di efficacia..lei cosa consiglia?
[#11] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
E aggiungerei pure un'altra domanda, ovvero se conosce lei, eccezion fatta per l'iperico ad alto dosaggio, qualcosa di valido come farmaco da banco o sostanza che non interagisca con finasteride.

Sa, avrei la ricetta per la paroxetina già prescrittami dal dottore, però non mi sento in una condizione a tal punto debilitante da ricorrere all'antidepressivo vero e proprio, anche perchè temo pure i risvolti negativi sul piano sessuale.

La ringrazio in anticipo dottore
[#12] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Le sconsiglio di fare una terapia senza averne discusso prima con lo specialista, l'iperico con il fatto che è un prodotto "naturale" non implica che non sia scevro di effetti collaterali a volte anche seri
[#13] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
Buonasera dottor Vannucchi

Comunque sia la paroxetina mi è stata prescritta dalla psichiatra psicoterapeuta che mi segue, ma come le ho già accennato, vorrei evitarne l'uso per adesso.

Invece per l'iperico 300mg ci vuole la ricetta medica, prescrittami dal mio medico di famiglia. Ansioso come sono, non mi permetterei mai di cominciare terapie che possano essere controproducenti. A bloccarmi dall'utilizzo è stata proprio la possibilità che ci possa essere interazione con finasteride.

Ecco perchè le ho chiesto consiglio a riguardo, perchè speravo potesse indicarmi, naturalmente previa discussione con il mio medico di famiglia, qualche farmaco integratore o sostanza senza ricetta (e quindi ad azione blanda) prima che io utilizzi antidepressivi.

Avevo sentito parlare di griffonia, serotonina d6, triptofano etc.

Cosa saprebbe dirmi a riguardo?
[#14] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
possono trovare utilità solo in certi casi che dovrebbero essere valutati solo dopo una visita medica