Utente 393XXX
Salve, sono un ragazzo di 21 anni, da sempre soffro di eiaculazione precoce. I rapporti durano dal momento della penetrazione 40 secondi al massimo un minuto. Se durante il rapporto io sto fermo ed è la mia partner a svolgere i movimenti tipo su e giù o avanti e dietro i rapporti hanno una durata normale, potrebbero durare anche 15-20 minuti. Dopo essermi consultato col mio medico curante mi ha fatto prima fare l' esame del P.S.A, una volta che i risultati erano nella norma, mi ha fatto usare delle compresse, premetto che le compresse in parte funzionano, però vanno assunte un ora prima del rapporto e nel 90% dei rapporti non riesco a prenderle, per il semplice motivo che non posso saperlo 1 ora prima. Facendo una visita dall' urologo-andrologo mi ha diagnosticato fimosi + frenulo corto e qualche mese fà mi è stato praticala la circoncisione + frenuloplastica. Ad oggi la situazione non è cambiata nemmeno dopo la circoncisione. Chiedo un consulto a voi specialisti perchè davvero vivo male la mia vita sessuale. Vorrei sapere se si può guarire al 100% in tutti i casi dall' eiaculazione precoce, altri rimedi oltre a quelli a cui mi son sottoposto. Ringrazio gli specialisti che rispondo ai nostri quesiti giornalmente..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
le cause di eiaqculazione precoce cronica (come lei la definisce: nome corretto long-life) sono:
infiammazioni prostaiche (escluse)
malformazioni del pene (corrette da chirurgia)
restano le cause psicogene che sono le più frequenti.
Se ne accerti con il collega, che in tal caso un collooquio psicosessuologico è più utile di mille farmaci.
[#2] dopo  
Utente 393XXX

Iscritto dal 2015
Gentile Dottore, la ringrazio per la sua risposta.
Sicuramente andrò a visita dall' urologo-andrologo, volevo sapere se si guarisce dall' eiaculazione precoce nel 100% dei casi. Ia mia paura è convivere per sempre con questo disturbo, che influisce sulla mia persona, sia a livello fisico, ma soprattutto a livello emotivo.
Se le cause sono psicogene, vorrei informarla sul fatto che durante i miei rapporti, distolgo l' attenzione a livello mentale pensando a tuttaltro, ma non risolvo niente.
Comunque la mia domanda principale è sapere se si guarisce nel 100% dei casi.

La ringrazio.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Lasci perdere le manovre distrattive non servono. Il 100% in medicina non esiste: diciamo 90%.
[#4] dopo  
Utente 393XXX

Iscritto dal 2015
Sicuramente andrò a visita da un urologo-andrologo. La ringrazio di nuovo Dottore per i suoi chiarimenti.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Basta che si chiarisca un attimo col collega.
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Fermo restando l'ulteriore visita andrologica, come suggeritole, volevo farla riflettere sulla sua affermazione, che poco ha a che fare con le cause psicologiche

"distolgo l' attenzione a livello mentale pensando a tuttaltro, ma non risolvo niente."

Quello che lei attua si chiamano " pensieri distraenti" che servono proprio per peggiorare la situazione, nel momento in cui lei pensa ad altro - c'è chi si fa anche del male, come pizzicotti ...- sposta l'attenzione da dentro a fuori da se, velocizzando il riflesso eiaculatorio.

Queste si chiamano " strategie fai da te" che, solitamente, tendono a cronicizzare la disfunzione, unitamente alla latitanza diagnostica e terapeutica.

Il Paz conl'e.p, pensa di " sentire troppo" l'eccitazione e di non saperla contenere, in realtà "sente molto poco" , per questo non sa procrastinare il riflesso eiaculatorio, unitamente a tante altre cause fisiche, psichiche, diadiche, inconsce, da cattivo apprendimento sessuale, e così via

Le allego del materiale da poter consultare ed un canale salute redatto a quattro mani con un andrologo.

http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3854/Si-http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce-prevenire-l-eiaculazione-precoce-Quell-incontrollabile-fretta-del-piacere
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1358/Eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/963/Eiaculazione-precoce-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3220/Eiaculazione-precoce
[#7] dopo  
Utente 393XXX

Iscritto dal 2015
Salve Dottoressa, la ringrazio della sua risposta. Come ha detto sopra il Dottor andrologo Cavallini, la via più probabile, è la via psicogenea, ma io non riesco a trovare un nesso tra la mia mente e il mio disturbo. Ho tentato molte volte, ma senza alcun successo, prima di un rapporto a non pensare per niente al mio disturbo, liberavo la mente e basta, ma era lo stesso di niente. Io non sto affatto sostenendo che la psicologia non c'entri nulla, anzi sono convintissimo che il mio disturbo sia procurato per da una questione psicologica, ma quello che non riesco a spiegarmi e che durante i miei rapporti la sensibilità che mi fà arrivare all' eiaculazione è nel pene, non nella mente. Per non eiaculare, non devo distogliere la mente, ma interrompere il coito.

Nel ringraziarla nuovamente per il suo tempo, e sperando di ricevere altri chiarimenti, le porgo cordiali saluti.
[#8] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
"Ho tentato molte volte, ma senza alcun successo, prima di un rapporto a non pensare per niente al mio disturbo, liberavo la mente e basta, ma era lo stesso di nientÈ"


Probabilmente non mi sono spiegata bene, provi a leggere con attenzione le letture comprenderà quello che sto cercando di dirle.

La psiche non è così semplice... così come non lo è la sessualità quando si ammala
[#9] dopo  
Utente 393XXX

Iscritto dal 2015
Gentile Dottoressa, come ha già detto lei, e come dicono gli articoli che mi ha suggerito, sicuramente quello che fà per me è un urologo-andrologo e la terapia un sessuologo.

Prossimamente intraprenderò questa terapia, per guarire dal mio dosturbo.

La ringrazio di nuovo per i suoi chiarimenti.