Utente 163XXX
Gentilissimi medici,
spero di poter avere una vostra risposta in merito ad un episodio riferito alla mia compagna.
Lei è alla 12 settimana di gravidanza.
Purtroppo ieri è accaduta una cosa che ci lascia un po' preoccupati e vi spiego velocemente.
Ogni volta che abbiamo consumato verdure crude o finocchi, li abbiamo sempre scrupolosamente lavati con acqua e bicarbonato.
Come dicevo purtroppo ieri mia cognata ha provveduto a lavare dei finocchi dapprima con acqua corrente e poi li ha lasciati in ammollo in una bacinella MA HA DIMENTICATO DI METTERVI IL BICARBONATO.
Ora la mia compagna è molto preoccupata in quanto ne ha mangiato uno prima che la sorella ricordasse la dimenticanza.
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La infezione da TOXOPLASMA sicuramente avviene anche per via alimentare , ma da alimenti sicuramente infetti e per niente lavati ( a prescindere dai vari disinfettanti ) , questo per tranquillizzarla; aggiungo che introdurre una fonte probabile di TOXOPLASMA , non significa sicuramente infezione fetale .
Chiaramente è preferibile evitare queste fonti :carne poco cotta o cruda, frutta, verdure e più raramente acqua,latte non pastorizzato o uova crude.
Se non immune alla infezione da TOXOPLASMA e cioè con IgM e IgG negative , deve ripetere ogni 15 gg per due mesi il dosaggio delle IgM specifiche per controllare , per poi ritornare al controllo mensile .
Se invece le IgG sono positive e le IgM negative ( immunizzazione) il problema non sussiste.
SALUTI
[#2] dopo  
Utente 163XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio di vero cuore per la squisita cortesia.