Utente 398XXX
buongiorno dott.ri, come troppi uomini ormai sono afflitto dall'ossessione di aumentare le dimensioni in erezione del pene....(sarà per colpa dei video che circolano in rete, sarà per insicurezze personali ma sta di fatto che soffro dell'invidia del pene).
Assodato oramai che non ci sono metodi efficaci di quelli che circolano in rete (a parte la chirurgia estetica o l'acido ialuronico che però è riassorbibile), io utilizzo in modo discontinuo la pompa del vuoto che effettivamente espande per poco tempo il pene, anche se dopo qualche ora torna alle dimensioni normali.
Quello che mi chiedo è se ci sono controindicazioni perchè ultimamente soffro di difficoltà erettive e soprattutto in fase di mantenimento (per inciso ho 42 anni)....il fatto è che l'applicazione di sto aggeggio normalmente comprime le pareti dell'area intorno al pene e non so se anatomicamente ci sono vasi o arterie che si comprimono sotto la spinta del tubo di plastica.
Succede anche che il fusto diventi più scuro per l'evidente afflusso maggiore di sangue e per la rottura di qualche capillare (ma il principio di efficacia a lungo termine su cui si basa questo strumento a detta dei costruttori e delle notizie che circolano in rete è proprio quello che a lungo andare si rigenerano cellule e tessuti e si ingrandisce in modo permanente!)
Questa pratica può causare lesioni e a lungo andare anche impotenza?
L'ultima novità delle pompe del vuoto è quello che si usa immerso in acqua calda ma non so se provarlo o meno.
Cosa mi dite?
Vi ringrazio anticipatamente per vostre delucidazioni :)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non si pasticci in modo poco razionale; le dimensione di un pene sono molto variabili ed anche fisiologicamente, in situazioni ambientali favorevoli (tranquillità, acqua calda ed altro), si possono ottenere i risultati che lei riferisce con i dispositivi menzionati.

Detto questo poi, se desidera avere più informazioni dettagliate su questo particolare tema andrologico, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/202-misure-pene.html

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
Gentilissimo Dott. Beretta, grazie per la sua risposta, spero che anche altri suoi colleghi si vogliano esprimere sul mio post.
Ho anche letto il suo articolo sull'uso dell'acido iarulonico per l'ingrossamento del glande e ritardare l'eiaculazione.....vorrei sapere i costi di queste iniezioni su quanto si aggirano?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

credo che lei abbia sbagliato referente; io non ho mai scritto nulla "sull'uso dell'acido iarulonico per l'ingrossamento del glande" e lo sconsiglio fermamente a tutti coloro che intendono sottoporsi a tale tipo di trattamento.

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
Scusi Dott. Beretta, effettivamente si trattava di suoi colleghi (dr. Quarto e Laino), che tutto sommato non esprimono giudizi negativi; certo è che l'insoddisfazione per il proprio membro causa tanta speculazione e tante sperimentazioni autoindotte con risultati direi inesistenti e magari con probabili lesioni.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, vedo che ha compreso il mio messaggio.

Ancora un cordiale saluto.