Utente 398XXX
Gentile dottote ho avuto un unico rapporto omosessuale 4 giorni fa limitato a masturbazione mia con eiaculazione su mia mano so che non e comportamento a rischio: ma mi sono accorto dopo di escoriazioei superficiali sulla mano provocati dalla legna da ardere nel camino, uno più evidente ma risalente a diversi giorni prima ed ormai con crosta; uno più piccolo invece di cinque o sei ore prima arrossato: non c'era perdita di sangue ma solo una linea biancastra arrossata ai lati. Dopo dieci minuti mi sono lavato ed ho abbondantemente disinfettato le mani ed i tagli con alcool e con amuchina gel : e le zone interessate con acqua ossigenata: l'escoriazione più recente si e' infiammato e bruciava...ho risposta circa inconsistenza rischio HIV. Vale anche per epatite b o altre epatiti. nel caso di possibile rischio cosa mi consiglia di fare? Posso avere rapporti non protetti con la mia compagna (proviamo ad avere un figlio) nei prossimi mesi...non ne parlo con mio medico di paese perche questione delicata..mi consiglia una profilassi da seguire subito ( e' succ. Il 20 dic); vaccinarmi...oppure continuare la mia vita (evitando altre situazioni a rischio)provare ad avere un figlio e preoccuparmi solo se presento disturbi anche fra 3 : 6 mesi o oltre e solo in quel caso prendere precauzioni con la compagna..grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Senta signore,
lei ha già posto questo quesito il 21 scorso e le ho risposto io.
Se vuole sentirsi dire che non ha corso rischi, vada da un ciarlatano e se lo faccia mettere per iscritto.
Un Medico professionalmente serio, qualunque Collega professionalmente serio, le dirà come le ripeto, che il rischio è minimo, pressocchè vicino allo zero, ma non nullo. Niente è certo nella vita e tanto meno nella infettivologia.
Dunque scelga: archivi l'episodio e non ci pensi più oppure, e mi pare che sia il suo caso, faccia gli esami che le ho indicato nel precedente consulto, perchè è già in preda al panico.
Tertium non datur. A meno di trovare un Collega che si accolli la responsabilità medico - legale di dirle che non ha rischiato assolutamente nulla.
Ma se lo faccia mettere per iscritto.Verba volant, le parole volano.....
Saluti cordiali,
Caldarola.