Utente 845XXX
Stimatissimi dottori,
vi svcrivo per illustrarvi un problema che ormai mi affligge da parecchio tempo. Ho ventinove anni, godo di ottima salute e non ho mai avuto problemi particolarmente gravi. Soffro però di un problema al quale non riesco dare una risposta; sono fortemente attratto dalla mia partner tant'è che si è deciso di fare un figlio assieme. Sono così attratto da lei cheil solo toccarla mi provoca delle erezioni incontenibili; anche il solo guardarla mentre si muove per casa mi eccita e mi fa fantasticare su quello che vorrei fare con lei. Appunto fantasticare: appena si arriva al dunque è come se mi prendesse un'ansia incontrollabile e la turgida erezione di pochi minuti prima pian piano scompare accompagnata da un eiaculazione. Settimana scorsa, una mattina, ancora addormentato, sono stato svegliato da dolci carezze "intime", spohgliato e quasi violentato. Finalmente dopo parecchio tempo sono riuscito ad avere un rapporto completo. Ieri invece non è stato possibile. Come posso fare? HO letto molte vostre risposte: non ho problemi erettili (erezioni notturne, mattutine, diurne), quando mi viene concesso ho una buona rsistenza nel rapporto, sono attratto dalla mia donna e un figlio è la cosa che voglio di più in assoluto. Come posso fare per avere una vita sessuale normale, appagante, funzionale al concepimento e non frustrante come quella che ormai vivo da mesi, salvo sporadiche parentesi. Grazie per l'aiuto. Datemi un consiglio, sono veramente disperato.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,
da come ci racconta la sua storia ,anche se in modo un pò "confuso", il suo problema sembra avere una forte componente psicologica, comportamentale . A questo punto comunque, per ben valutare il tutto, bisogna consultare un esperto andrologo che, esaminata la sua situazione particolare, la indirizzerà poi verso la strategia terapeutica più mirata a risolverlo. Nell'attesa, se desidera avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com