Utente 325XXX
Salve,
Mi chiamo Lisa. Tre giorni fa nel giardino di mia zia, dove vivono 3 gatti, uno di loro per giocare mi ha fatto 2 graffi, molto superficiali, di cui uno di circa 2 cm di lunghezza. I gatti in questione hanno circa 3 anni e vivono nel giardino di mia zia o fortivamente quando riescono ad introfularsi in casa, allontanandosi poco da tali ambienti. Non so per quale arcano motivo mia zia non li ha vaccinati (a detta sua lei riferisce che il suo veterinario dice che non ce ne fosse particolare bisogno) ed applica l'antipulci/zecche 3 volte l'anno, da marzo ad agosto (ultima applicazione inizi agosto, quindi 5 mesi fa, anche se io so che andrebbe applicato il prodotto ogni 2 mesi, ma lei mi riferisce che il veterinario le ha consigliato così e si è trovata sempre bene).
Per motivi lavorativi ho fatto il richiamo per l'antitetanica esattamente 1 mese fa (mi era scaduta da 5 anni).
Ho fatto vedere i graffi al mio medico che mi ha detto solo di disinfettarli e monitorarli ma stare assolutamente tranquilla (purtroppo ho disinfettato i graffi solo dopo 2 ore dall'evento).
Io però so che i graffi di gatti possono trasmettere malattie fra cui: tetano, malattia del graffio di gatto, ecc...
Le mie domande sono:
1) La vaccinazione fatta 1 mese fa antitetanica dopo 1 mese miconferisce già protezione o no?
2) La malattia del graffio di gatto è una evenienza frequente e rischio di averla contratta secondo il vostro parere?
3) E se si, conoscendo il quadro clinico, quanti giorni mi durerebbe la sintomatologia simil mononucleosica/influenzale? (perchè sono impegnatissima per la tesi ed il tirocinio per la laurea e non posso permettermi troppi giorni di stare a casa con la febbre, dolori muscolari ed astenia).
4) E nel caso consigliate antibiotico - altre medicine?

Vi ringrazio della vostra disponibilità e professionalità.
Rimango in attesa di gentile risposta.
Cordiali saluti, Lisa.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Lisa,
Le rispondo per punti:

1) a seguito del richiamo con tossoide tetanico ella è già immune al tetano.

2) la malattia da graffio di gatto, sostenuta dalla Bartonella Henselae, è molto rara: colpisce per lo più l'età pediatrica con una incidenza di 9 - 10 casi /100.000 soggetti. In genere sono i gattini a essere infetti, poi sviluppano immunità e non trasmettono più la malattia.

3) Stia tranquilla perchè la patologia nei soggetti immunocompetenti come lei decorre in forma lieve: tanto che sia la Claritromicina che la Azitromicina vengono usate solo in casi complicati.

4) Personalmente, adorando i gatti, sono stato graffiato nella mia vita centinaia di volte e anche in profondità: non ho mai avuto problemi.
Non rinuncerei ai gatti per nessun motivo. A molta gente invece con grande piacere (nota personale.......).

:)

Si tranquillizzi.

Saluti cordiali,
Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
Gentilissimo Dott. Caldarola,

la ringrazio per la gentilezza e disponibilità nel rispondermi.
E' stato chiarissimo oltre che mi ha rasserenato tanto :)
Io pure sono una amante degli animali, gatti e cani soprattutto.

La ringrazio ancora.
Cordiali saluti, Lisa!
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
:-)
Buon anno!
Caldarola.