Utente 398XXX
salve, ringrazio in anticipo la vostra attenzione. ù
vi espongo il mio problema.
circa un anno fa ho avuto due rapporti sessuali non protetti durati pochissimo e senza alcun contatto con il liquido seminale. ora a distanza di un anno mi è venuta la tonsillite che è andata via subito con una cura adeguata, è possibile che io abbia contratto l'hiv ?
è davvero così facile essere contagiati ?
so che la tonsillite è dovuta anche dal fumo, e io sono una fumatrice.
ho avuto la febbre, prima dei rapporti ( il solito periodo il quale sono esposta ad allergie )
dopodichè non ho accusato di alcun sintomo fino a questa tonsillite.
ho molto paura di fare il test, anche se so che mi darebbe la miglior risposta, ma tutti dicono che non è molto facile prendere questo tipo di malattia, ma io sto davvero in ansia anche se sono una " malata immaginaria "grazie per l'attenzione
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le ricerche epidemiologiche hanno dimostrato che l' HIV viene trasmesso attraverso tre modalità :
. trasmissione sessuale
. trasmissione parenterale
.trasmissione verticale ( durante gravidanza e parto)
Il contagio da persona a persona può avvenire per contatto sessuale (persona infetta)
I normali contatti sociali con una persona HIV positiva non comportano alcun rischio .
Premessa questa per dirle che se è presente la certezza che il partner fosse infetto da HIV deve sottoporsi al test.
SALUTI
[#2] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille andrò a fare il test in questi giorni per sicurezza, anche perchè ultimamene noto la lingua bianca con dei puntini e bolle rosse che pizzica un pò premetto che non ho avuto un ottima igiene orale ultimamente e fumo molto. ma avrei alcune domande da farle:
è vero che con un paio di rapporti sessuali non completi il rischio del contagio è minore?
e tonsillite e lingua bianca possono essere sintomi da hiv?
perchè vedendo su internet inserendo tonsillite mi è uscito che è uno dei sintomi dall'hiv e da allora provo una forte paura anche se prima vivevo in pace
non so se i miei siano sensi di colpa legati ad un segreto da nascondere,oppure veramente il rischio di un contagio.
però prima di scoprire che la mia influenza fosse una tonsillite ho fatto una cura di vivincin sembrata inutile siccome con tutto il bruciore di gola e l'influenza sono andata a lavorare con pioggia e vento essendo che lavoro in strada a dare volantini.
dopodichè ho preso un antibiotico non adeguato e dopo qualche giorno ho notato le placche alle tonsille, sono andata dal medico e mi ha prescritto un antibiotico più forte e due giorni dopo le placche sono scomparse.
può essere una semplice influenza ?
per favore ho bisogno del vostro supporto sono preoccupatissima, grazie milla
[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non è possibile rispondere a queste domande senza dei dati di laboratorio
[#4] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
salve, ho è effettuato il test, e tra qualche giorno ritirerò il risultato.
le voglio fare un grandissimo ringraziamento, siccome mi ha dato la giusta spinta di effettuarlo e di preoccuparmi per me stessa, anche se non ho corso un grosso rischio siccome mi sono documentata tantissimo, non vedendo su internet, perchè inizialmente mi stavo preoccupando molto a causa della non coerenza dei siti.
così ho preso la decisione di andare nella biblioteca della mia università ( studio scienze umane,primo anno, ma sono andata in quella di medicina) e ho approfondito su questo argomento.
ho letto cose interessantissime il quale mi hanno portata a una conclusione sul mio accaduto.
IL FATTO è CHE NOI DONNE CI DOBBIAMO TUTELARE.
e io ho perso quella dignità e quel pudore di donna, ma che dobbiamo fare, sono errori dell'adolescenza che facciamo tutti in alcuni periodi critici,che poi ci portano ad essere quelli che siamo oggi.
forse la mia ossessione è stata basata sui sensi di colpa, di nascondere questo grande segreto alla persona che amo.
siccome ho scoperto che il virus ha una percentualità di contagio per singolo rapporto molto bassa, il contagio avviene tramite i liquidi biologici, viene causato a rischio se non si usa il preservativo.
se si pratica il coito interrotto oltre a essere un contraccettivo non funzionale ( ne sono l'esempio, mia madre è uscita incinta tramite il liquido pre-eiaculatorio di mio padre,per questo mi ha sempre detto di usare il preservativo ma non le ho mai presa in considerazione )
è pericoloso lo stesso a causa delle microlesioni delle mucose che si formano durante il stesso rapporto, e inoltre le mucose sono impermeabili ( a differenza della pelle che è molto più dura ) quindi lasciano trapassare il virus.
solo se nel caso la persona infetta ha anch'essa le microlesioni, e se i liquido seminale e il sangue vengono a contatto con esse. ecco perchè il rapporto con coito interrotto può essere a rischio e non esserlo nello stesso momento. ed è per questo che è consigliabile usare sempre il preservativo.
inoltre l'uomo deve aver praticato i seguenti comportamenti:
- sesso anale con un altro uomo
- tossicodipendenza
-rapporti non protetti con prostitute
con questo non voglio discriminare nessuno, ma è bene saperlo che il rapporto anale è quello molto più pericoloso rispetto a quello normale, siccome il rapporto è molto più traumatico e questo permette di formare microlesioni, e uscite di sangue.
la tossicodipendenza è a rischio se due tossicod. si scambiano siringhe tra di loro
le prostitute sono a rischio perchè si concedono a uomini che non sanno nulla di loro e inoltre potrebbero non lavarsi bene tra un rapporto e l'altro ( anche per questo è consigliabile lavarsi dopo un rapporto, il contagio è sempre a rischio ma per evitare altri danni )
mi permetto di scrivere in quanto donna, anche una prostituta va rispettata, perchè non sappiamo che cosa l'ha condotta a praticare questo lavoro.
inoltre ho chiamato al numero verde dell'aids della mia regione ho spegato l'accaduto e mi ha risposto che non ho avuto altissimi rischi posso evitare di fare il test siccome lui ha eiaculato fuori, il liquido pre-eiaculatorio porta lo stesso il virus, ma con quantità ridotta, inoltre la tonsillite e la lingua bianca sono segni di aids non di hiv.
ma ho effettuato lo stesso il test, perchè devo essere responsabile delle mie azioni e delle persone che mi stanno intorno.
si è vero ho avuto un rapporto con coito interrotto, ma pur sempre a rischio, so che la persona in questione ha avuto un passato attivo, e so che è stato sempre con persone durature, ma non posso conoscere lo stato sierlogico delle altre donne,e per questo che è meglio effettuare il test anche se al 99% non è positivo siccome non ha avuto rischi che ho elencato prima e inoltre non sono sicura del fatto che fosse sieropositivo e se pure fosse il rischio è minimo. CON QUESTO NON STO DICENDO DI NON TUTELARSI, PERCHè IL RISCHIO C'è SEMPRE!
i liquidi biologici di una persona infetta devono avere il contatto diretto con il sangue di una persona sana. che sia tramite mucose con microlesioni o altro, mi chiedevo, e so che questo dubbio solo lei potrà togliermelo..
se una donna fa sesso con il ciclo mestruale ( portatore di batteri e alto rischio di contagio per l'uomo) se l'uomo eiacula al suo interno quindi conttatto tra sangue e sperma, la donna è sempre a rischio contagio ? cioè non riesco a capire siccome il sangue che noi perdiamo ogni mese è da considerarsi " sangue morto " il contagio avviene se il sangue è quello che gira in noi oppure anche tramite sangue mestruale?
premetto che è solo per un dubbio da me venuto.
so che questo tipo di rapporto è a rischio sia per la donna che per l'uomo ma mi chiedevo semplicemente se il contatto tra sperma e sangue mestruale fosse lo stesso invece del contatto con il sangue che circola all'interno.
credo che nella vita bisogna essere prudenti, e essere a conoscenza di qualsiasi rischio che ad una persona si presenta.
grazie mille, del vostro aiuto


[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Posso condividere, ma la risposta dal punto di vista medico non cambia