Utente 846XXX
sono una ricercatrice e da un paio di anni lavoro anche con modelli sperimentali (ratti diabetici). Dopo un paio di episodi di asma serale, ho fatto i RAST test (easmi del sangue IgE tot e specifiche) per il pelo del ratto e del topo e sono risultata allergica in classe 4. Esiste un vaccino? Cosa posso fare per non smettere di lavorare con gli animali?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Dottoressa,
Ho cercato sul listino delle maggiori aziende produttrici di trattamenti immunoterapici ma, tra quelli che ho a disposizione, non ho trovato il ratto ed il topo come estratto per il trattamento (immunoterapia).
Ho notato, però, che molte aziende hanno tale estratto tra i diagnostici utilizzati per i test cutanei. Dato che i processi con cui sono ottenuti i diagnostici ed i trattamenti immunoterapici specifici sono, in parte simili, (cambiano le soluzioni entro cui sono conservati), qualche azienda potrebbe confezionare un estratto espressamente per lei.
Mi corre l'obbligo di avvisarla, però, che non ho trovato pubblicazioni scientifiche su un trattamento del genere che, seppur teoricamente realizzabile, sarebbe da considerare sperimentale.

Le aziente che può consultare sono:

http://www.allergia.it/
http://www.stallergenes.it/
http://www.allergopharma.com/
http://www.lofarma.it/
http://www.allergytherapeutics.com/
http://www.hal-allergie.com/en/home

La strategia più saggia da seguire, a mio avviso, è quella di effettuare una valutazione della sua funzionalità respiratoria con gli esami spirometrici, iniziare una appropriata terapia farmacologica, mettere in pratica tutte le strategie che ha a disposione per la profilssi ambientale (mascherine, evitare, se possibile, la frequentazione degli stabulari limitandosi al contatto con tali animali solo in fasi di esperimento, etc.) e rivalutare, dopo un opportuno periodo di tempo, i risultati ottenuti stilando un bilancio in merito all'opportunità di continuare a lavorare in tale ramo della ricerca.

Cordiali saluti,
[#2] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo Dr. Verna
volevo ringraziarla per la risposta. Innanzi tutto mi chiedevo se questo prodotto della Lofarma (http://www.lofarma.it/it/prodotti/allergie_vaccini/ritardo.html) può essere curativo. Poi, per il tipo di reazione che ho (semitardiva e solo asma) la vaccinoterapia è indicata?
Grazie e Cordiali Saluti
Roberta
[#3] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Il prodotto che ha indicato è di una delle aziende che le avevo segnalato. Ribadisco che non ho trovato pubblicazioni scientifiche su un trattamento per l'allergene in questione che, seppur teoricamente realizzabile, sarebbe da considerare sperimentale.
La strategia più saggia è quella che le ho indicato nel precedente post.
Cordiali saluti,