Utente 399XXX
Salve, sono una ragazza di 18 anni e volevo avere qualche informazione.. Ad agosto ho avuto un rapporto non protetto e subito il giorno dopo cioè entro le 24 ore ho preso ellaone; la sera in cui l'ho presa sono stata bene, ma la sera dopo ho avuto febbre per una notte e successivamente cinque giorni di dolori intercostali e diarrea poi il tutto è passato spontaneamente. Successivamente tre settimane dopo una notte ho avuto ancora gli stessi dolori intercostali e una sera dopo sono andata in pronto soccorso per dolore forte a destra e mi hanno verificato con l'ecografia il rene dilatato, o e successivamente sono stata sottoposta a due tac e due operazioni al rene per un calcolo, ora ad un mese dall'operazione sento ancora qualche dolore alla schiena e soprattutto alla parte sinistra, qualche pulsazione alla pancia e dolori qua e là sotto alle costole.. Visto che ho anche letto che ci sono donne in gravidanza che non se ne accorgono neanche mi sono preoccupata, peró il ciclo è regolare, e la pancia che non ce l'ho mai avuta piattissima riesco a tirarla in dentro normalmente, e all'ospedale prima fare la tac mi hanno fatto anche il gravindex che è risultato negativo, peró non capisco a cosa siano dovuti questi dolori e queste pulsazioni o lievi colpetti, magari è l'aria che ho nella pancia visto che sono anche stitica ma non so volevo se è possibile dei consigli, grazie mille Giulia
[#1] dopo  
Dr. Umberto Leone Roberti Maggiore
24% attività
0% attualità
0% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2015
Gent.ma Signora,
In considerazione del suo racconto può stare assolutamente tranquilla per il sospetto di una gravidanza. E' sicuramente più probabile che le sue sensazioni siano correggibili a qualche cosa di intestinale, in particolare se soffre di stitichezza. Provi a regolare il suo intestino aiutandosi in prima istanza con abbondante idratazione (1.5-2 l di acqua al giorno), corretta alimentazione e eventualmente qualche prodotto a base di fibre. Spero di averla tranquillizzata.

Cordiali saluti

Umberto Leone Roberti Maggiore