Utente 226XXX
Egregi Dottori, anzitutto vi ringrazio in anticipo per la vostra disponibilità e cortesia.
Sono una ragazza di 24 e da diversi anni soffro di ansia. Oltre ad una cura farmacologica che sto eliminando, faccio psicoterapia fa duverso tempo ed ho ottenuto gradi miglioramenti, ma nonostante ciò in alcuni perdio sono molto agitata e stressata. Sempre a causa della mia ansia ed ossessioni per qualsiasi tipo di malattia fisica ho effettuatodiverse visita cardiologiche e l'ultima risale ad aprile scorso. Ho fatto ecocardiogramma con esito negativo. Di recente ho effettuato un elettrocardiogramma per problemi di extrasistoli e anche in questo caso è risultato tutto negativo ed in più ho messo anche l'holter delle 24 ore e non è stato riscontrato nulla. Quindi a detta di più cardiologi il mio cuore è sano e anche le extrasistoli che avverto provengono molto probabilmente dallo stomaco in quanto spesso avverto bruciori e rigurgiti acidi. Il cardt, quindi, mi ha prescritto il lucen ed ho notato qualche miglioramenti.
Ma, attualmente il mio problema è un altro...avverto dei dolori forti al petto, lato sinistro che si irradiano al braccio, come se mi si stese "strizzando" un muscolo, non so esattamente come descrivere questa sensazione, altre volte invece è una sorta di bruciore allo sterno, sotto al seno sinistro e se tocco il punto mi brucia ed altre volte ancora avverto sempre dei dolori al petto ma è come se il dolore dal color si irradiasse al petto, aiutati come fossero crampi ed ho la sensazione di pancia gonfia ed aria nella pancia. Insomma un po' di problemi che non so come decifrare e mi creano tanto spavento. È possibile che possa trattarsi di un disturbo cardiaco? Come potrei fare? Quali esami possa ancora fare per stare tranquilla? Sembra che il tutto provenga dal cuore e mi agito. Infatti questa cosa mi porta ad effettuare la misurazione della pressione che risulta solitamente 115/120 su 75/80 ed alcune volte risulta anche 130 su 90 è pericolosa una pressione del genere? Poi coma la rimisuro scende..ciò significa che sino tendenzialmente ipertesa?
Vi ringrazio in anticipo e mi scuso per essermi prolungata così tanto, ma ho proprio bisogno di un vostro parere. Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I sintomi che lei riferisce sono attribuibili ad un reflusso gastro esofageo e non fanno certo pensare ad una patologia cardiologica.
Si tranquillizzi

Arrivederci

cecchini