Utente 399XXX
Salve, sono un ragazzo di 24 anni e ho avuto 3 episodi di tachicardia innescati da un extrasistole, i primi due di breve durata e distanti circa 5 mesi, l'ultimo invece dopo 1 anno e mezzo, ma di durata maggiore (15/20 min). Durante questa ultima crisi sono andato al ps ma quando sono arrivato sentivo già il ritmo ristabilito (anche se comunque alto a causa dello spavento). Alla fine, dopo 2 ecg e un ecocardiogramma, come tutte le altre volte che sono stato al ps mi dicono che é tutto ok. Dopo un paio di giorni ho fatto una visita da un aritmologo, il quale sentendo i sintomi mi ha consigliato uno studio elettrofisiologico con eventuale ablazione, che é stato già prenotato per la fine di gennaio. Secondo lui potrebbe trattarsi di tachicardia da rientro. Ora mi chiedo se é giusto eseguire lo studio nonostante la sporadicità delle tachicardie o se ci possono essere altre cause su cui indagare, visto che spesso ho anche problemi digestivi? Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Prima di parlare di ablazione occorre dimostrare che lei abbia abbia u a via anomala da ablare e che questa le scateni tadhicafdie da rientro.
quindi io suggerirei di procedere per gradi, inziando con un holter.
cj somo anche degli apparecchi da applicare al momento dell aritmia e sono proprio adatti ai casj come il suo , quqndo glj episodi sono molto rari

Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Grazie per la celere risposta, allora di holter nel corso degli anni ne ho fatti due, ma non ho mai avuto episodi durante gli holter, visto la sporadicità sarebbe impossibile beccarla. Ho sentito di questi apparecchi di cui parla, ma non capisco come mai non mi é stato proposto, cosa bisognerebbe fare per averlo? E per quanto tempo viene dato?

Invece per quanto riguarda lo studio elettrofisiologico lei pensa sia un po affrettata come soluzione?
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Beh lo studio elettrofisologico é sempre un esame invasivo e pertanto ci debbono essere indicazioni precise.
gli apparecchi dei quali le ho parlato si trovano anche su Internet con costi di circa 100 euro. Hanno una memoria e quindi possono essere scaricati eventi precedentem nte registrati
Funzionano a batterie e sono piccoli.
ne parli con il suo cardiologo

Arrivederci