Utente 224XXX
SALVE GENTILE DOTTORE , BUON ANNO , sono un pz diabetico nid da circa 20 anni , attualmente in terapia con EUCREAS 1000 , mattina e sera ,glucofage 500 a pranzo ,assumo a digiuno lansox 30 mg per una pregressa gastrite erosiva emorragica poi coaprovel 300 dopo colazione , la sera crestor 10 per il colesterolo da circa 5 anni poi omnic per la prostata ed prisma 50 poichè mi è stato riscontrato in ecodoppler arti inf delle placce plurime nelle arterie .CIRCA UN ANNO FA ho effettuato una vs cardiologica piu un holter cardiaco ed una prova da sforzo sul tappeto tutto regolare , sono un pz molto ansioso , ho assunto di recente del cipralex ed alprazolam per 6 mesi per ansia ed attacchi di panico con cardiopalmo . ADESSO SOTTO questo profilo sto meglio .HO FATTO , stamane degli esami ematici di routin ,EMOCROMO 4780.OO0 EMOGLOBINA 13.4 globuli bianchi 6.830 , piastine 202.000 , es urine normale ,CPK 134 ,col totale 160,hdl 30 , ldl 110 triglicedini 130 ves 13 pcr o, 22 azotemia 56 creatinemia 135 .EGFR 54,32 GOT23 GPT 22., ho timore per l'hdl molto basso ,nel mese di settembre era 35 sono aumentato di 4 chili cammino molto poco poichè ho una neuropatia arti inf , sto assumendo ESCHIM 1000 ,da un mese datomi dal medico di base , ho letto su internet che forse potrebbe essere dannnoso è viene dato a pz che hanno avuto delle ischemie cardiache o altri eventi ho letto che vi sono dei fibrati o niacina , ma vi sono controidicazioni molto avverse , mi sento confuso , volevo gentilmente un aiuto per far salire l'HDL ,HO LETTO che bisogna assumere cereali , carne magra , soia , bresaola salmone pesce spada frutta e verdura ,frutta secca .IN VERITA ,assumo molto spinaci bietole finocchi tutti i gg , non so se sono i farmaci che prendo che potrebbero abbassare l'hdl .SE MI PUO DARE UN CONSIGLIO , le sarei molto grato . LA SALUTO CORDIALMENTE GRAZIE .

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Caro signore,
il suo problema principale è il forte sovrappeso che la rende insulino resistente, ed a cui è attribuibile il diabete di II tipo che lei ha da 20 anni e la neuropatia periferica.
Se questa le impedisce di camminare non le impedisce di seguire una dieta, elaborata da un MEDICO nutrizionista, che le faccia perdere peso e che diventi uno stile di vita "nutrizionale".
Deve valutare con il suo cardiologo se la statina che assume sia indicata in dosaggio e come molecola o se debba essere rivisto dosaggio e cambiata la molecola. Perchè un'altra statina ha un impatto migliore sull'HDL, il cui valore comunque non la deve preoccupare.
Dimagrendo, molti suoi problemi potrebbero risolversi. Quindi non lo consideri un probema secondario.
Gli acidi grassi polienoici (Eskim) non hanno nessuna controindicazione: studi più o meno seri hanno dimostrato anzi un effetto positivo sulle arirtmie ventricolari e sulla morte improvvisa.
Una sola annotazione: se ha delle placche ateromasiche alle arterie degli arti inferiori, non è certamente con una capsula di Prisma che lei si mette al sicuro da eventuali episodi trombotici in loco. Specie se si tratta di placche "molli".
In tal caso lei va scoagulato con eparina a frazionata o con anticoagulanti orali, per vivere sicuro. Soprattutto perchè si muove poco. Non ci dice poi nulla sul circolo venoso che è altrettanto importante.
Ne parli, dunque, con il suo cardiologo.
Saluti,
Dr. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 224XXX

Iscritto dal 2011
SALVE DOTTORE , VOLEVO ,dirle la diagnosi del ecocolor doppler arti inf .CIRCOLO arterioso arti inf pervio bilateralmente regolare per calibro con diffuso ispessimento intimale, e con presenza di placche plurime a livello delle femoralicomuni , delle superficiali e delle poplitee determinando stenosi non emodinamicamente significative riduzione massima del lume il 20 \ per cento flussi normodiretti a livello degli assi tibiali con presenza di depositi ateromasici plurimi non emodinamicamente significativi ,.CIRCOLO VENOSO PROFONDO , pervio bilateralmente con flussi normomodulati con gli atti del respiro , apareti normocolassabili, in assenza di echi endoluminari patologici ,CIRCOLO SUPERFICIALE PERVIO, e continente agli ostii safeno memorali e safeno polplitei continenza valvolare della safena interna lungo il loro decorso bilateralmente .FLEBCTASIE ,di gamba bilateralmente.DOPO fatto questo esame mi recai circa 2 anni fa da un angiologo che mi prescrisse il prisma 50 poichè la cardiaspirina non potevo assumerla , avendo avuto una gastrite erosiva emorragica , io personalmente non so se vi sono prodotti antigoagulanti che potrei assumere tranquillamente per coprirmi mattina e sera non gastrolesivi , se sara' il caso dovrei consultare il chirurgo vascolare che viene al mio centro diabetico ad affettuare gli ecodoppler . VOLEVO CHIEDERLE UN CONSIGLIO , in merito , anche per la statina se vi è un prodotto che faccia innalzare L'HDL , LA RINGRAZIO MOLTO DEL SUO CONSIGLIO CORDIALI SALUTI .
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
lei ha una evidente ateromasia di tutto il circolo arterioso degli arti inferiori.
Ciò lascia presumere che anche le arterie iliache siano compromesse ancorchè non siano state indagate e non se ne faccia menzione.
Nè si fa menzione delle condizioni dell'aorta addominale e del tripode celiaco, che andrebbe indagato con una angio TC.
Le rinnovo la mia personale convinzione che 50 mg di Prisma non la proteggono da eventuali eventi trombotici.
Inoltre il fatto che il suo circolo venoso degli arti inferiori sia pervio non esclude che lei, che si muove poco o pochissimo, possa andare incontro a una tromboflebite profonda, asintomatica, e ad una conseguente embolia.
L'aspirina sicuramente non è stata la causa della sua gastrite emorragica e in ogni caso non le servirebbe a nulla.
Nella situazione in cui si trova lei ha bisogno di essere scoagulato, e ripetendomi, o con Eparina a basso peso molecolare o con T.A.O.
Ciò nel suo interesse non certo nel mio.
La gastrite emorragica spero sia stata valutata con EGDS e ne sia stata individuata la causa: l'attività inibente la pompa acida del Lansoprazozo è notevolente inferiore a quella di altri IPP di cui non faccio nomi perchè non mi si accusi di pubblicità.
Infine: lei è un soggetto a mio avviso candidato al trattamento con Atorvastatina ad alto dosaggio, non perchè le abbassi ulteriormente il colesterolo totale ma perchè vi sono studi concreti sulla capacità endotelio protettiva (cioè del rivestimento interno delle arterie) vs Rosuvastatina 10 mg. Inoltre la molecola è ben tollerata e capace di abbassare in modo concreto la HPCR, che è un sensibile fattore di rischio vascolare.
Chiaramente questa non è una prescrizione terapeutica che io non posso fare telematicamente, sono dei suggerimenti che potrà, se vorrà, sottoporre al suo Curante. Quello che le ha dato il Prisma.
Resta il fatto che se lei non si impegna a dimagrire, il suo rischio cardiovascolare e di sviluppare complicanze diabetiche di tipo anche autonomico (atonia intestinale e vescicale ecc) rimane molto alto.
Parlo nel suo esclusivo interesse, perchè possa vivere bene e a lungo.
La saluto caramente,
Dr. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 224XXX

Iscritto dal 2011
GENTILE DOTTORE ,la ringrazio molto del suo prezioso consiglio è mio interesse impegnarmi seriamente per la mia salute e anche per rispetto alla mia famiglia , per la gastrite emorragica mi sono state fatte tre gastroscopie la prima al ricovero poi durante la degenza poi dopo un mese all'inizio vi era una erosione ed del sangue fresco nella curva dello stomaco , sono stato trattato con gastroprottettori ed antibiotici con flebo ho fatto anche tre colonscopie nel tempo , io non ho avuto nessun segno clinico a vista di emorragia gastrica , solo inizialmente molto astenia ed progressivamente un calo dei globuli rossi ed emoglobina a 9 , nonostante il sanque occulto fosse negativo .A CASA mi è stato prescritto il lucen da 40 per 2 mesi poi lucen da 20 per 4 mesi poi il nefrologo mi prescisse il lansok 30 forse altri ipp assieme alla metformina potessero forse inibire l'assorbimento del ferro , folati vc etcc che noi introduciamo con gli alimenti non saprei ,L'ULTIMA GASTRO CIRCA 2 ANNI FA reflusso gastroesofageo con piccola ernia iatale da scivolamento , il resto ok ,.AORTA ADDOMINALE LIEVE DILATAZIONE DEL TRATTO ASCENDENTe toracico , IL RESTO ,COMPATIBILE CON LA MIA ETA' E PATOLOGIA ,la cardioaspirina io non lo mai assunta nemmeno prima di avere l' emorraggia non so quale sia potuto essere la causa forse delle iniezioni che facevo per la discopatia ma comunque assumevo il lansok 15 mattina e sera , forse troppo legger per protezione rispetto alle iniezioni , LA SALUTO CORDIALMENTE GRAZIE .