Utente 347XXX
Salve sono un ragazzo di 25 anni e ho appena avuto una miocardite e pericardite causate probabilmente da un influenza intestinale (ho avuto un influenza pesante a inizio dicembre e mi sono riammalato di virus intestinale a capodanno, e pochi giorni dopo sono andato in ospedale per una gran tacchicardia e senso di oppressione al petto). Sono stato ricoverato in ospedale una settimana e mi hanno fatto tutti gli esami di dovere, giovedì ho la risonanza per vedere se ha lasciato cicatrici.

Quando mi hanno dimesso mi anno detto che era tornato tutto a posto ecg e troponina, a parte il pericardio ancora un po' infiammato e un prolasso del miocardio che però non darà problemi (che non ho capito se causato dalla malattia o ho sempre avuto), però nell'ecg che mi hanno fatto prima di uscire mi hanno scritto "ecg irregolare" e "infarto non databile", cosa di cui non mi avevano parlato, cosa significa?
Inoltre ogni tanto durante la giornata ho mal di testa e spessissimo delle piccole fitte sul cuore, tipo piccole fitte intercostali che aumentano respirando e mi passano se mi siedo e mi chino in avanti, possono durare anche diversi minuti, cosa potrebbe essere? è per via del pericardio ancora infiammato? invece di calare sembrano aumentare col passare dei giorni,di intensità e frequenza, dovrei farlo presente il giorno della risonanza?

Come terapia sto prendendo un protettore gastrico la mattina e una pasticca da 600 di antinfiammatorio 3 volte al giorno.
Grazie n anticipo per il consulto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La mio pericardite e' una malattia che va ben curata, con antinfiammatori e riposo.
Se continua ad avere dolori e' importante controllare con un'ecocardiografia che non sia ricomparso un versamento pericardico
Inoltre un esame del sangue con il dosaggio degli indici di flogosi , del CPKmB e della troponina andrebbe consigliato.
Informi il suo Medico ed il suio cardiologo
Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 347XXX

Iscritto dal 2014
L'ultima ecografia l'ho fatta lunedì, prima che mi dimettessero, ma non evidenziava versamenti, così come gli esami del sangue, lunedì non evidenziavano valori anormali. se continuano queste fitte mi farò ricontrollare sicuarmente. Mi scuso se insisto ma cosa significa infarto non databile?
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Vuol dire che sull' ECG (che io non ho visto) appare una cicatrice elettrica compatibile con un vecchio infarto.
Ma ovviamente non e' una diagnosi mia, dal momento che non ho iltracciato in visione.
Arrivederci

cecchini
[#4] dopo  
Utente 347XXX

Iscritto dal 2014
Salve sta mattina appena alzato mi è venuto un forte giramento di testa, ai limiti dello svenimento, mi sono sentito come se mi mancasse il respiro per qualche secondo, poi mi son seduto e mi è passato, e da tutta mattina sono molto pallido con occhiaia pronunciate, inoltre mi sono arrivati gil esiti della risonanza, mi potete gentilmente aiutare ad interpretarli?

In particolare mi interessa questa parte:
Nelle sequenze T2w- STIR evidenza di iperintensità edemigena a carico dell'apice del ventricolo destro.
Non deficit di perfusione allo studio di primo passaggio a riposo. Nello studio del Late Enhancement si apprezza ritardato wash-out di mdc (gadolinio) a carico del pericardio a sede inferiore sul ventricolo sinistro, dove si osservano aree di focale ispessimento, con estensione alle sezioni destre, indicative di
danno interstiziale\ miocellulare.

qui sotto riporto il referto completo:

Referto:
RM CUORE CINE + RM CUORE S+MDC + POST-PROCESSING RM
STORIA CLINICA: recente ricovero per mio-pericardite
BSA 1,77
Esame eseguito con scanner 1.5 T con:
- sequenze di localizzazione nei piani ortogonali
- immagini funzionali cine nelle proiezioni cardiache standard con sequenze multi-phase Balance
- immagini morfologiche T2w-STIR per il rule-out dell' edema
- analisi della perfusione al primo passaggio a riposo
- somministrazione di mdc paramagnetico e sequenze di LGE acquisite tardivamente a 10'
Il ventricolo destro presenta diametri e volumi nei limiti della norma. Non si apprezzano aneurismi ventricolari. Regolare lo spessore della parete libera del ventricolo dx. Cinetica globale del ventricolo dx conservata in assenza di segni di discinesie e\o ipocinesia segmentarie.
Ventricolo sinistro con diametri e volumi nei limiti.
Non alterazioni della cinetica distrettuale e funzione sistolica globale conservata.
Nelle sequenze T2w- STIR evidenza di iperintensità edemigena a carico dell'apice del ventricolo destro.
Non deficit di perfusione allo studio di primo passaggio a riposo. Nello studio del Late Enhancement si apprezza ritardato wash-out di mdc (gadolinio) a carico del pericardio a sede inferiore sul ventricolo sinistro, dove si osservano aree di focale ispessimento, con estensione alle sezioni destre, indicative di
danno interstiziale\ miocellulare.

VENTRICOLO SINISTRO
VSn Td 5.1cm (VN 3.9 - 5)
VSn Ts 3.4cm (VN 2.3 - 3.3)
Siv Td 0.5cm (VN 0.2 - 0.4)
Siv Ts 0.9cm
Pp Td 0.5cm (VN 0.3 - 0.4)
Pp Ts 1cm
Atrio sn 4.1x3.7 cm
Ed volume 78ml/m2 (VN 47- 92)
Es volume 31ml/m2 (VN 14 - 39)
Stroke Volume 48ml/bpm/m2
FE 61% (vn 56 - 78)
Cardiac output 8.3l/min
Cardiac Index 4.7l/min/m2
VENTRICOLO DESTRO
Ed volume 70ml/m2 (VN 55 - 108)
Es volume 30ml/m2 (VN 16 - 68)
Stroke Volume 40ml/bpm/m2
FE 56% (vn 47 - 74)
VDx Td 17mm/m^2 (VN 15 - 25)
PVDx 0.2cm (VN 0,2 - 0,4)
Adx 3.6 x 3.5cm
Conc.: quadro RM indicativo di patologia infiammatoria pericardica. Si consiglia controllo evolutivo a 6
mesi.

Grazie