Utente 397XXX
Gentili dottori buongiorno. Ho 37 anni, una figlia di 3 anni e da circa un anno, io e mia moglie siamo alla ricerca del secondo figlio che non arriva. Ci siamo rivolti, rispettivamente, a ginecologo e andrologo. Dopo tutte le visite, ecografie, esame tube, esami ormonali, liquido seminale, siamo arrivati alla conclusione che mia moglie è perfettamente sana, mentre io ho un basso numero di spermatozooi presenti nel liquido seminale. Non è possibile fare confronti con spermiogrammi precedenti la prima gravidanza di mia moglie perchè non ne ho mai fatti. Tornando al mio problema, secondo l'andrologo non ha cause clinicamente evidenti, semplicemente, dopo avere effettuato le migliaia di analisi ed esami che ho subito, ha concluso che si tratterebbe di una sorta di invecchiamento dei testicoli, una perdita di funzionalità, gli stessi sono sani, salvo un varicocele di primo grado. Ora mi ha prescritto iniezioni di Meropur 75 per tre mesi, un giorno si ed un giorno no. La mia domanda, non è se questo trattamento possa o meno funzionare, perché appare chiaro che un trattamento dipenda dalla risposta dell'organismo che lo subisce, ma bensì volevo un parere in merito alla pericolosità di questo farmaco. Ho letto persino sul bugiardino che alcune donne hanno sviluppato tumori e onestamente, il trattamento con degli ormoni, non mi convince. Non ne ho parlato con l'andrologo perché lo stesso è al corrente della mia ipocondria e non risponderebbe se non con delle rassicurazioni, cosa che non cerco. In realtà io cerco un parere obiettivo in merito al rischio oncologico nella somministrazione di questo farmaco su di un uomo e per così tanto tempo.
Ringrazio per l'eventuale risposta e porgo cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

lasci perdere il rischio oncologico che con il farmaco e le posologie indicate è praticamente un effetto collaterale nel maschio neppure previsto.

Detto questo, come era il suo pannello ormonale, se fatto; ad esempio come era il valore del'FSH, dell'LH e del Testosterone?

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Salve dottore, innanzitutto grazie per la risposta, di seguito elenco i risultati degli esami ormonali che sono tutti nei range:

Fsh 4,42 - range 1,00 - 12,00
Lh 4,43 - range 1,00 - 12,00
Testosterone 2,93 - range 2,41 - 8,27
Prolattina 17,23 - range 3,00 - 19,00

Colgo l'occasione per chiedere una informazione ulteriore, l'assunzione di meropur potrebbe impedirmi di donare il sangue a titolo definitivo? Ho trovato anche questo su internet e questa cosa mi dispiacerebbe molto.
Grazie di nuovo.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

dalle valutazioni ormonali, che ci invia, non comprendiamo l'indicazione ricevuta che probabilmente parte da tutte le altre considerazioni cliniche, fatte dal suo andrologo dopo attenta valutazione diretta.

Detto questo poi notizia non vera quella che "l'assunzione di meropur potrebbe impedirle di donare il sangue a titolo definitivo".

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,
avendo normali valori di FSH non vedrei, a mio parere, alcuna indicazione alla somministrazione di un farmaco a base di FSH,
Ad un mio paziente direi che non ha senso mettere benzina nel serbatoio se già il serbatoio è sufficientemente "pieno", oltretutto si tratta di una terapia complessa senza concrete possibilità di migliorare il suo potenziale di fecondità in maniera significativa.
se il desiderio di un figlio è importante consultate un buon centro di PMA
cari saluti
[#5] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Vi ringrazio, avevo già deciso di non effettuare quella terapia.
Buon lavoro.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Comunque, per correttezza, comunichi sempre le sue decisioni al suo andrologo di riferimento.

Ancora un cordiale saluto.