Utente 190XXX
buonasera, mio padre 86anni compiuti essendo malato di alzheimer ha anche una accentuata depressione al che il neurologo gli ha prescritto la sertralina cosa che gli ha creato un abbassamento di pressione 110/50 che lo costringe a letto ancora di piu in quanto dice di non avere forza per alzarsi,10 anni fa mio padre si è operato di angioplastic per un infarto al miocardo e da allora assum plavix 75 e 5 mg di betabloccante adesso con questi sintomi di astenia dovuti molto probabilmenta alla sertralina il medico di base ha consigliato di ridurr il betabloccnte a 2,5 anzichè 5mg anche perchè il battito è intorno ai 55 al minuto. secondo voi è giusto optare per quest riduzione o ci sono rischi?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non vedo motivo di ridurre il beta bloccante, é importante che il paziente beva abbondantemente almeno un litro e mezzo dinaxqua al giorno
inoltre non e corretto che io che non so assolutamente niente della situazione clinica e coronarica di suo padre mimpermwtta di variare una terapia cosi importante
é opportuno che consulti il suo cardiologo.

Arrivederci