Utente 386XXX
Buonasera,

Ho 63 anni, soffro di cardiopatia ischemica (PTCA+STENT al tratto medio della coronaria destra nel 2010), diabete mellito, glaucoma e carcinoma vescicale da trattare a breve con cistectomia radicale.

Mercoledì 13 Gennaio, a seguito di sincope preceduta da lipotimia e giramento di testa sono stato sottoposto ad impianto di pacemaker bicamerale con la diagnosi di BAV II grado.

I dottori dell'UTIC sono stati molto gentili, però ho dimenticato di chiedere loro se posso ricominciare ad assumere i farmaci che prendevo prima del mio malore, e cioè

Congescor 2.5 mattina e sera
Corlentor 5 (1/2 mattina e 1/2 la sera)
Dorlede collirio 1 gtt ad entrambi gli occhi mattina e sera (un ml di soluzione contiene 20 mg di dorzolamide (come cloridrato) e 5 mg di timololo (come malato).

Siccome sono farmaci che rallentano il battito ho paura che possa innescarsi un problema con la mia attuale situazione, ovvero di portatore di pacemaker bicamerale.

Tuttavia sono un cardiopatico ischemico ed è quasi una settimana che li ho sospesi.

Posso ricominciare ad assumere quei farmaci?

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il fatto che lei sia portatore di pace maker le permette, in tutta tranquillita' di assumere i farmaci che ha indicato (beta bloccanti sia per os che come collirio che la ivabradina).
In caso di bradicardia infatti , il suo PM le evitera' di presentare bradicardie importanti.
Penso infatti che proprio per la sua necessita' di assumere detti farmaci i Collegghi abbiano voluto procedere all' impianto
Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille per la celere e la chiara risposta, Dott. Cecchini.