Utente 400XXX
Buonasera gentili Dottori, da alcuni mesi ho difficoltà erettive con la mia fidanzata ( con la ragazza precedente non avevo mai avuto problemi, anche se saltuariamente era capitato con le partner precedenti anni fa), non contenta della situazione che mi sta creando un pò di ansie, dato che ho 28 anni, mi sono recato da un urologo che mi ha fatto fare analisi del sangue con risultato i seguenti valori:FSH 2,2 LH 4,6 E2 52 PRL 8,9 TESTOSTERONE 6,9, inoltre ho effettuato ecocolordopler penieno statico e dinamico con referto: buona risposta erettiva dopo 10mg di pge con parametri sistolici bilaterali maggiori di 35 e diastolici pari a zero.
Dopo queste analisi il dottore dice che sono in buona salute ma il problema erettivo( soprattutto di mantenimento di una buona durezza) persiste, allora mi è stato prescritto cialis 5mg tuti i gg per 30 gg con buoni risultati, ma ahimè una volta finita la confezione il problema si è ripresentato. In passato avevo provato levitra 10 orosolubile con ottimi risultati.

Volevo sapere se l' approccio seguito è corretto e come poter risolvere questo problema che sta diventando piuttosto fastidioso.
Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
le probabilità che il suo sia problema psicogeno sono molto elevate. Lo chieda direttamente al collega. Nel caso la risposta fosse affermativa, personalmente non amo molto quel farmaco, in quanto solo il 15% dei pazienti riesce poi a farne a meno, gli altri ruimangono da quello dipendente. Personalmente preferisco un colloquio psicologico, che almento quando è ristabilito lo è del tutto.
[#2] dopo  
Utente 400XXX

Iscritto dal 2016
Gentile dottor Cavallini, qualora intraprendessi un iter psicosessuologico, esso, in cosa consiste?
[#3] dopo  
Utente 400XXX

Iscritto dal 2016
inoltre sento parlare di spedra, che differenza ha rispetto al levitra?
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Non c' è farmaco in grado di guarirloa: tutti quantiu funzionano fino a che li asssume poi basta. Lei va da psicologo, glòi parla e poi lui le saprà dire.
[#5] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Aggiungo qualche riflessione a quelle già ricevute.

Se il suo d.e ha un'etiologia psicogena - per psicogene si apre uno scenario ampio e complesso - è lì che deve orientare la sua cura.


Se desiera avere informazioni, visto che chiedeva dell'iter psico/sessuologico, le fornisco del materiale da poter consultare, se ha dubbi scriva ancora senza alcuna difficoltà, ma se andrà da un collega vedrà che in sede di consultazione fugherà le sue perplessità.

Un approccio mirati soltanto all'attenuazione del sintomo erettivo, se pur dalla immediata efficacia, rimane orfano di un percorso poliedrico che analizzi e valorizzi la sua psiche, le sue emozioni, la sua coppia..


http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html
http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/106/Dipendenza-psicologic
http://www.medicitalia.it/minforma/Psicologia/1225/Deficit-erettile-un-
http://www.medicitalia.it/blog/psicologia/6154-ruolo-donne-deficit-erettivo-uomo.html