Login | Registrati | Recupera password
0/0

Stenosi carotide destra 50/55%

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente cancellato

    Stenosi carotide destra 50/55%

    Buongiorno.
    sono un uomo di 60 anni, operato alla carotide sx per esportazione di 2 placche che ostruivano fino al 75% la stessa.
    questo nel mese di luglio 2008(il giorno 7) nella prima settimana precedente all'intervento era stata diagnosticata con l'ecodoppler, una stenosi sx del 75% e quindi necessitava dell'intervento, riuscito benissimo.
    durante l'eco la carotide dx dava una stenosi(placca) del 40%.
    ora la controllo per verificare che tutto procedeva bene, la sx e' perfetta mentre la dx e' aumentata, ed e' al 50/55% , questo in 4 mesi.
    mi fa pensare che alla prossima visita di controllo a gennaio sara' aumentata e mi portera a breve all'intervento anche la dx.
    questo se e' cosi mi rattrista, perche' a mio parere personale non e' assolutamente un intervento (come mi avevano descritto) smplice, visto che e' stato eseguito in anestesia locale.
    la mia domanda forse e' banale , ma secondo voi aumenterà nel corso dei prossimi mesi?
    mi rendo conto che non e' semplice rispondere, ma mi affido alla vs. esperienza.
    vittorio

  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 18 Medico specialista in: Chirurgia vascolare e angiologia

    Risponde dal
    2006
    L'ateromasia è sempre un processo progressivo, quindi destinato ad aumentare nel tempo. Nel caso specifico, la progressione della stenosi è stata diagnosticata dallo stesso operatore, oppure in un posto e da persona diversa rispetto al precedente controllo? Una simile progressione in un tempo così breve, verosimilmente in un paziente in corretta terapia farmacologica dopo l'intervento subito, va verificata. Due operatori diversi possono stimare in modo lievemente differente un analogo quadro lesionale (specie se non critico) anche in base alla loro esperienza, alla qualità della macchina impiegata ecc..
    R.Curci


    Ruggiero Curci

  3. #3
    Utente cancellato
    Buonasera.
    La ringrazio inanzitutto della risposta e mi scuso per non avere io risposto altrettanto celermete, per problemi di computer guasto.
    rispondo alla sua domanda sull'operatore che ha eseguito l'esame, si e' l'ho stesso di 4 mesi fa ed e' il chirurgo che mi ha operato la carotide sx (con successo.
    per quanto riguarda la coagulazione, essendo portatore di protesi aortica sono gia scoagulato, proprio oggi ho eseguito l'inr ed e' "2,46"
    aggiungo che o sempre pensato che il colesterolo provoca queste complicanze alle arterie, quindi ho voluto fare un controllo in questi giorni.
    colesterolo totale :193
    trigliceridi : 132
    colesterolo HDL : 55
    questi risultati piu' o meno sono (negli anni passati) sempre stati in questi valori.
    il chirurgo che mi ha visto,diagnosticato e operato,mi ha succcessivamente rifatto gli esami, scoprendo un aumento del 15% della carotide dx. rispetto a 4 mesi fa (40%) ora (55%).
    mi ha detto "che sono un tipo predisposto" alle stenosi carotidee.
    forse non centra nulla, ma l'ho aggiungo l'ho stesso : o una stenosi SERRATA all'uretra con intervento di uretroplastica ""fallito"" e attualmente sono portatore di cistocentesi, da 2 anni.
    scusi l'aggiunta, era solo per sottolineare sul fatto che sono un tipo prdisposto alle stenosi.
    la ringrazio e la saluto.
    vittorio.......

  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 18 Medico specialista in: Chirurgia vascolare e angiologia

    Risponde dal
    2006
    Oltre che per la sede, le due stenosi di cui parla sono assolutamente differenti rispetto ai meccanismi di formazione, per cui non si può parlare in questo senso di predisposizione. Differente è, invece , la predisposizione all'aterosclerosi, che evidentemente la riguarda.
    Il mio suggerimento, in assenza di sintomatologia neurologica acclarata, magari anche dopo l'esecuzione di una TC encefalo, è di accorciare i tempi di sorveglianza ecografica alle carotidi e di iniziare ad assumere (se non lo fa già) una statina, non tanto per abbassare i valori di colesterolo, quanto per stabilizzare la placca. Quanto i valori di stenosi diventeranno critici dovrà sottoporsi ad un nuovo intervento chirurgico.
    Molti auguri.
    R Curci


    Ruggiero Curci

  5. #5
    Utente cancellato
    buongiorno.
    la ringrazio per i consigli,faro' sicuramente la TC encefalo e alla fine del mese prossimo eseguiro' un controllo di ecodoppl alle carotidi.
    per quanto riguarda il farmaco me l'ho dovra prescrivere il medico.
    le faro'sapere gli sviluppi appena ho la nuova situazione.
    di nuovo grazie e tantissimi saluti.
    vittorio.....

  6. #6
    Utente cancellato
    buongiorno.
    ho eseguito oggi l'ecodoppler in un altro laboratorio di mia fiducia (il primo che aveva visto la carotide sx con stenosi al 70%) poi operata.
    ecco il suo referto.

    in esiti di TEA sinistra, la carotide comune e le diramazioni interna ed esterna di sx si presentano pervie e con flussi validi senza turbolenze od accelerazioni.
    A destra, la carotide interna presenta sempre placca "quasi" anecogena determinante stenosi del 55% con accelerazione del flusso ad almeno 170cm/secondo nel punto di massima stenosi.
    considerato il tipo di placca (I) e l'accelerazione emodinamica con elevati flussi distolici, si consiglia consulenza chirurgica vascolare.
    questo perchè : io a gennaio dovrei sottopormi ad un intervento di perineostomia (volgarmente detto buco sotto) perchè essendo portatore di cistocentesi da 3 anni per stenosi uretrale serrata , il mio urologo vuole farmi questo intrvento per poter togliere la cistocentesi.
    il medico che mi ha eseguito l'ecodopler mi ha assolutamente sconsigliato l'intervento di perineostomia prima di aver tolto la placca carotidea.
    ditemi voi qualcosa sono con la testa nel completo marasma, non so più cosa fare.
    vi ringrazio e vi saluto.
    vittorio

Discussioni Simili

  1. Operabità stenosi serrata arteria basilare
    in Chirurgia vascolare e angiologia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23/09/2008, 08:49
  2. Gli assi femoro-poplitei
    in Chirurgia vascolare e angiologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01/11/2008, 18:07
  3. Stenosi carotidea opzioni chirurgiche e controindicazioni
    in Chirurgia vascolare e angiologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07/09/2008, 15:25
  4. Donna 74enne con stenosi carotidea 25 dx 80 sx
    in Chirurgia vascolare e angiologia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 22/11/2008, 21:41
  5. Angio tac carotide
    in Chirurgia vascolare e angiologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 01/12/2008, 19:00
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,09        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896