Utente 382XXX
Buongiorno gentili Dottori,

sono un uomo di 37 anni affetto da panipopituitarismo congenito. Seguo una terapia sostitutiva in particolare con Nebid ogni 3 mesi per il testosterone. Dall'ultimo spermiogramma,fatto però circa 10 anni, risultava una azoospermia. Il mio endocrinologo mi ha spiegato che qualora volessi provare ad essere fertile dovrei interrompere la cura con il Nebid, terminare l'effetto dell'ultima fiala ed iniziare una cura con gonadotropine.
Io al momento non ho intenzione di avere figli ma vorrei iniziare lo stesso la cura (per un tot di mesi come mi prescriverà l'endocrinologo) con le gonadotropine per verificare innanzitutto se la cura stessa funziona per un futuro concepimento ed anche per aumentare il volume testicolare che è piuttosto basso e che mi comporta spesso anche dei problemi relazionali durante i rapporti con l'altro sesso. Chiedo pertanto anche a voi un parere in merito alla questione

Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
a 4 mesi dall' ultima iniezione di testosterone esegua i dosaggi ormonali: FSH, LH, Testosterone, Prolattina e meglio risonananza mafnetica nucleare con e senza mezzo di contrasto del cranio. Un aumeno volumentrico testicolare è atteso fin dal I mese di terapia, presenza di spermatozoi nell' eiaculato dal II-III mese al m,assimo.
[#2] dopo  
Utente 382XXX

Iscritto dal 2015
Grazie dottore per la pronta risposta.
Ci sono delle controindicazioni alla cura con gonadotropine?
Mi sa dire statisticamente qual'è la percentuale di successo per avere uno spermiogramma positivo dopo 3-4 mesi dalla cura?

La ringrazio nuovamente e buona giornata
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
nessuna controindicazione. La possibilità di reperimento spermatozoi dopo terapioa dipende da un sacco di fattorI: volume testicolare, spermiogram,ma pre terapia con gonadotropine, epoca di insorgenza dell' ipogonadismo, FSH basale: grosso modo si reperoscono spermatozoi in una percentuale compresa fra il 50% e l' 80%.
[#4] dopo  
Utente 382XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno,

ritorno sull'argomento dopo qualche mese.
Come suggerito dal Dott. Cavallini ed anche dal mio endocrinologo ho fatto le analisi dopo 5 mesi dall'ultima fiala di Nebid, i risultati sono i seguenti:

Prolattina: 24.9 ng/ml
LH: 0.1 mIU/ml
FSH: 0.1 mIU/ml
Testosterone: 526 ng/dl

Il medico che mi segue mi ha chiesto di fare uno spermiogramma fra qualche mese per decidere se iniziare la cura con le gonadotropine (che al momento non avrebbe senso visto che il testosterone è ampiamente nella norma).
La mia unica preoccupazione è che scenda troppo nei prossimi mesi creandomi dei problemi.
Vorrei, per quanto possibile, un parere a riguardo

Grazie
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Non sono proprio dell' opinione che non abbia senso una terapia con gonadotropine. Personalmente mi baserei più spermiogramma che su esami del sangue: LH e FSH (FSH soprattutto) hanno azione diretta su spermatozoi non mediata da testosterone. Comunque magari antici un pochetto spermiogramma.
[#6] dopo  
Utente 382XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio Dottore per la pronta risposta.
Proverò a fare spermiogramma fra un paio di mesi. Da quello che avevo capito la terapia con le gonadotropine sarebbe vana adesso con un livello di testosterone (indotto dal Nebid) ancora nella norma.

Grazie
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
I pareri non sono poi così concordi, ma un paio di mesi è ok.
[#8] dopo  
Utente 382XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno ,
ritorno nuovamente sull'argomento.
Ho fatto le analisi del liquido seminale e, come mi aspettavo, è risultata una azoospermia. Ho già preso appuntamento con l'endocrinologo per iniziare la cura con le gonadotropine.

Nonostante abbia sospeso il testosterone (Nebid) da 8 mesi non ho notato grossi peggioramenti in termini di calo del desiderio ed anche dalle analisi del sangue i valori del testosterone sono ampiamente nella norma (circa 500 ng/dl)

Qualcuno sa darmi una spiegazione?

Grazie
[#9] dopo  
Utente 382XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno,

da Luglio ho iniziato una terapia con Gonasi HP 1000 3 volte alla settimana. Ricordo che da quasi un anno ho interrotto la cura con Testosterone (Nebid)
Dopo 3 mesi di Gonasi i valori di testosterone si sono attestati a 276 ng/dl pertanto l'endocrinologo mi ha raddoppiato la dose (Gonasi HP 2000 sempre 3 volte alla settimana) sperando che il testosterone si alzasse per iniziare poi la cura con FSH (Gonal-f)
Purtroppo dopo due mesi di Gonasi HP2000 il testosterone è addirittura sceso a 269
Personalmente ho notato un leggero calo di desiderio ed una diminuzione di erezioni mattutine nell'ultimo mese, dovute forse anche ad un periodo di forti stress per vari motivi personali.
L'endocrinologo mi ha suggerito di avere pazienza e continuare la terapia con Gonasi HP 2000 per altri due mesi per poi iniziare il Gonal-f quando il livello di testosterone abbia raggiunto almeno il valore di 350 ng/dl circa
Volevo cortesemente un parere su questa terapia e possibilmente una spiegazione a questo calo del testosterone

Grazie