Utente 401XXX
Salve sono un ragazzo di 25 anni,recentemente mi sono stato sottoposto a ecocolor doppler del testicolo destro a causa di una piccola formazione nodulare su di esse. Inoltre il testicolo appare leggermente più gonfio e a volte mi reca fastidio. L'esito dell'ecografia è stata epididimite e cisti dell'epididimo. Il medico però per sicurezza mi ha prescritto anche l'esame dei marcatori. Ne ho fatti due: uno a dicembre 2015 e uno adesso a fine gennaio 2016.
i risultati sono stati :

beta hcg 2015 = 1,0
beta hcg 2016= 1,0
metodo di int di riferimento CLIA 0 - 2,6
unità di misura mUI/ML

alfa fetoproteina 2015 = 4,5
alfa fetoproteina 2016 = 4,3
metodo di int di riferimento CLIA 0 - 8,1
unità di misura ng/mL

Lattato Deidrogenasi (LDH) 2015 = 310
Lattato Deidrogenasi (LDH) 2016 = 330
Metodo int di riferimento CINETICO 37C 227 - 450
Unità di misura U/L

Il medico mi disse che i valori di ldh erano un po' alti e di ripetere il test (visto anche che avevo fatto palestra prima dell'esame del 2015) e ora sono rimasti uguali nel nuovo test (anzi anche più alti)
la mia domanda è: cosa devo fare ora? prenotare una nuova visita? oppure essendo comunque non superiori alla media posso stare tranquillo?
premette che ho: un'imperplasia nodulare focale al fegato
la sindrome di gilbert
sono stato operato di pneumotorace (apicectomia e plaurodesi) due anni fa
non so se queste condizioni possono influire sul valore alto.
insomma aspetto un vostro parere al più presto!
grazie



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

stia tranquillo che comunque i valori riportati non sono drammatici ma sempre bene sentire o risentire il diretta il suo andrologo di riferimento.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2000
Caro lettore,
per una patologia cistica epididimaria non ha senso, a mio parere, far effettuare i marcatori oncologici che servono a valutare una eventuale patologia testicolare.
qualche volta qualche medico eccede nel chiedere esami in una forma di medicina "difendivistica" al fine di evitare eventuali lamentele.
Dai dati che lei riferisce io starei tranquillo
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 401XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio della risposta,per completezza ho prenotato un'altra visita. La mia domanda,nell'attesa,è: in una persona sana,l'LDH a questi valori da cosa può dipendere?
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

si rilegga quello già dettole e si riveda le cose da lei scritte:
"Lattato Deidrogenasi (LDH) 2015 = 310
Lattato Deidrogenasi (LDH) 2016 = 330
Metodo int di riferimento CINETICO 37C 227 - 450
Unità di misura U/L"

Fatto questo capirà che i valori da lei riportati possono anche essere quelli compresi in una normale oscillazione biologica di questo enzima.

Molte patologie possono spiegare valori decisamente alti di questo enzima, infatti l’LDH e i vari suoi isoenzimi si trovano in molti tessuti diversi; tra le patologie che possono causare questo aumento ci sono: ictus, anemia emolitica, anemia perniciosa, infezioni come la mononucleosi infettiva, la meningite, l’encefalite e l’HIV, l' infarto intestinale e polmonare, malattie dei reni, malattie del fegato, distrofia muscolare, pancreatiti, fratture ossee, tumore del testicolo, linfoma o altri tipi di tumore e chi più ne ha più ne metta!

Un cordiale saluto.

[#5] dopo  
Utente 401XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio della risposta,in effetti io vedendo che secondo il laboratorio i livelli normali erano dai 227 a 450 ero tranquillo,ma durante la visita l'urologo mi ha detto che a 310 erano alti.
Così ho cercato su google e si parla di un valore normale tra il 122 e 222 U/l. Dove sta la verità?
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

la verità sta nella "terra di mezzo".

Quando si sono questi problemi con valori differenti rispetto a quelli generalmente accettati, bisogna allora, in diretta, sentire il responsabile del laboratorio, dove questi esami sono stati eseguiti, e chiedere a lui quale metodo è stato utilizzato per determinare i valori e la eventuale sensibilità della metodica utilizzata.

Altri dubbi, risentire allora il proprio medico di riferimento oppure cambiare laboratorio.

Ancora un cordiale saluto.