Utente 401XXX
Gentili Medici,
vi scrivo per chiedervi un parere. Dopo la morte di mio padre, avvenuta circa un anno fa, sono tornata a vivere con mia madre, per non lasciarla sola, perché è anziana e non sta bene. Soffre di crisi epilettiche e, nonostante sia in cura, questi crisi a volte si ripresentano, sia di notte che di giorno. Purtroppo quando capitano non c'è nulla da fare, se non assicurarsi che non si faccia male e aspettare che passino; per fortuna durano qualche minuto, ma in quei momenti il cuore comincia a battermi all'impazzata, sento dei veri tonfi nel petto e riesco a tranquillizzarmi solo dopo un bel po' che la crisi è passata. In questo ultimo periodo, di norma, ho il battito tra 80 e 90, perché vivo in costante apprensione (purtroppo ho anche problemi di lavoro). Ne ho parlato con il medico di base, il quale mi ha consigliato dei betabloccanti, ma io penso che forse potrebbe essere più utile un ansiolitico, o comunque un supporto psicologico contro l'ansia. Voi cosa ne pensate?
Grazie in anticipo per l'attenzione.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Ritengo che lei abbia decisamente ragione...non assuma betabloccanti, ma si rivolga a uno psicoterapeuta che saprà sicuramente esserle di aiuto.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 401XXX

Iscritto dal 2016
Gentile Dott. Rillo,
La ringrazio molto per la veloce risposta e ne approfitto per chiederLe un'altra cosa. Il medico, quando mi ha suggerito i betabloccanti, mi ha detto che è necessario evitare che la tachicardia si trasformi in fibrillazione atriale. Secondo Lei c'è questo pericolo? Quale frequenza si deve raggiungere per parlare di fibrillazione atriale?
Comunque seguirò al più presto il Suo consiglio e contatterò uno psicoterapeuta.
Grazie ancora, cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi le due cose sono completamente indipendenti...mettere in relazione tachicardia sinusale con fibrillazione atriale non è nè razionale, nè legato ad alcuna base scientifica...
[#4] dopo  
Utente 401XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio molto, è stato gentilissimo!
Cordiali saluti e buon lavoro