Utente 850XXX
salve, non so bene come funziona e quindi mi scuso per eventuali errori e/o omissioni.(spero di riuscire a visualizzare la risposta..)non so nemmeno quale medico risponde...dopo aver dato il sangue sono stato contattato e informato di esser venuto contagiato dal virus epatite b. non so come e quando in quanto non ho mai avuto sintomi strani e non sono stato dal medico per problemi di salute da parecchi anni.purtroppo qui leggo molti paroloni e formule di cui giustamente ignoro il significato.detto questo, essendo single ma non per questo vado a letto con la prima che trovo....se bacio una donna devo prima dirle che ho avuto questa infezione? l'infezione è permanente a vita? di conseguenza, potrei dare il sangue in futuro? ultima domanda, ci sono notizie di eventuali progressi per combattere questa infezione ?cordiali saluti a tutti in particolare a chi toccherà rispondere alle mie domande. alex firenze

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Essendo una faccenda di infezioni, prima deve scegliere l'area di malattie infettive e poi chiedere li'. Qui chiedono un po' tutti perche' e' la prima area dell'elenco, comunque sarebbe riservata alle allergie.

Il centro trasfusionale la avvisa che lei ha i marcatori di epatite positivi. Avere i marcatori non significa avere l'epatite in forma attiva, essi possono indicare anche una forma fatta anni fa e ormai guarita.

Per distinguere i due casi occorre vedere sia il profilo dei marcatori (ce ne sono 5 o 6) sia come sono altri esami (transaminasi, ecografia e al limite biopsia).

Se lei risulta guarito e ha solo le tracce immunologiche di una infezione fatta anni fa e del tutto superata, puo' andare a letto con chi vuole senza bisogno di dirgli nulla, cosi' come non c'e' bisogno di raccontare che ha fatto il morbillo da piccolo.

Se invece dagli esami risulta che lei ha ancora adesso l'epatite in forma attiva, allora da un lato e' tenuto ad avvisare le partner, e dall'altro a curare se stesso. La cura dipende dalla situazione (eptatite B o C, epatite solo persistente o anche aggressiva ecc.) e per capire la situazione non basta sapere cosa le detto genericamente il centro trasfusionale, ma bisogna vedere tutti gli esami.

[#2] dopo  
Utente 850XXX

Iscritto dal 2008
e poi parlano di malasanità...IO STO RICEVENDO TANTA GENTILEZZA TANTA PROFESSIONALITA', TANTISSIMA DISPONIBILITA' di persona e qui.tornando al mio problema, mi è stato detto che hanno potuto stabilire che son venuto al contatto col virus ma non ho contratto l'epatite B, sono sano al 100% e tutti gli altri valori sono normalissimi (Se servono per completare il quadro potrei trascrivere tutto qui..).per ora non possono risalire al perodo del contatto col virus e per stabilirlo con esattezza devo fare gli stessi analisi fra 3 o 4 mesi.(come ha detto anche lei, ipoteticamente può essere recente o di oltre 20 anni fa)grazie infinite per la risposta celere e la gentilezza.saluti e buon lavoro