Utente 691XXX
Sono affetto da qualche tempo da cardiopatia dilatativa del ventricolo sinistro con associate numerosissime estrasistole ventricolari. Da circa tre mesi ho iniziato una nuova cura a base di triatec(2,5 mg due volte die), lasix 25 (1 volta al giorno) dilatrend 2,5(mezza compressa due volte al di) luvion 50 (1 compressa al pomeriggio), Cordarone 200 (1 compressa tutti igiorni) ridotto da un mese a 1 compressa per 5 giorni a settimana. La cura ha dato degli ottimi effetti a livello cardiaco, riducendo i volumi ventricolari come da ecocardiogramma ed eliminando ogni forma di aritmia. Il problema è adesso nell'alterazione dei valori tiroidei che pare siano dovuti all'amiodarone; in particolare T3: 2,4 pg/mL; T4: 0,47 ng/dL; TSH: 45,68 mcUI/mL che pare essere un quadro da ipotiroidismo confermato da sintomatologia quale freddo,stitichezza,stanchezza principalmente. Desideravo gentilmente sapere se l'eventuale ulteriore riduzione della dose settimanale di Amiodarone può far rientrare nei valori normali la funzionalità tiroidea o se addirittura non sia possibile eliminarlo del tutto sperando in una ripresa della funzionalità priva di aritmie del cuore o quali altre eventuali soluzioni/terapie adottare. Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buonasera.
lei ha presentato tipicamnete uno degli effetici tipici del cordarone e cioe l ipotiroidismo.
La tranquillizzo subito in quanto sospendendo immediatamente il varmaco nel giro di 4 6 settimane la sja tiroide dovrebbe tornare a posto.

Quando succede questo conviene sostituire il cordarone con dronedarone che é una molecola che non contiene iodio e che viene fornita gratuitamente con piano terapeutico proprio a pazienti come lei

Ne parli con il suo cardiologo
arrivederci

Cecchini
[#2] dopo  
Utente 691XXX

Iscritto dal 2008
Grazie infinite dr. Cecchini,
per la sua celere e tranquillizante risposta. Terrò senz'altro conto del suo prezioso consiglio. Ancora grazie a Lei ed a tutto lo staff. Distinti saluti
SM