Utente 401XXX
Salve mio suocero ha 62 anni e il 9 gennaio si procede d urgenza a PCI su CX, IVA e TV
Vasi non trattati : coronaria destra poiché occlusa e ricircolata.
Diabete mellito diabetico da circa 10 anni con valori (200,300) trattato con insulina 4 volte al giorno.
Arteriopatia arti inferiori.
Ipertensione arteriosa
Pregresso ictus ischemica.
Si sopravvive in questi casi. E molto debole e non c'è la fa quasi a parlare ha molto affanno. È a casa da una settimana. Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Mancano i dati ecocarsiografi i di suo suocero.
la situaziine é molto seria, benche sia un paziente giovane.
oltre al diabete probabilmente ha problemi di ipercolesferolemia ed é stato un fumatore.
non conosco la terapia in atto ne il paziente

É opportuno che questo pazuente vada curato attentamente
se vuole ci faccia sapere i dati dell ecocarsiogramma e la terapia in atto

Arrivederci

Cecchini
[#2] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Certo che si sopravvive!
Però dovrà curare meglio il diabete, seguire una buona dieta, fare attività fisica aerobica, assumere regolarmente i farmaci prescritti. Se è lui a pesare 90-95 chili, dovrà perderne almeno una decina.
[#3] dopo  
Utente 401XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille dott Cecchini e dott.sia Lestuzzi.
Ecocardiogramma: ventricolo sinistro dilatato(DI 58mm),acinesia del SIG medio apicale e della parete postero inferiore ed ipocinesia dei restanti segmenti con funzione sistolica ridotta (FE30%). Dilatazione atriale sinistra (area 26 cm. Insufficienza mitralica moderata (v.c. 0,48 cm). Ventricolo destro nei limiti per dimens e cinesi (TASSE 19mm, onda S' 11cm/sec. ). Calcificazioni delle cuspidi aortiche (mal visualizzabili ) con stenosi di grado lieve (G medio 10 mmHg). Non versamento pericardico.
Terapia cardioaspirin 100 mg (1cp ore 13)
Plavix 75 mg ( 1cp ore 20)
Bisoprololo 2,5mg (1cp ore 8)
Triatec 2,5mg (1cp ore 12)
Norvasc 10mg (1cp ore 20)
Lasix500 mg (1/4 cp ore 8)
Aldactone 100mg (1cp ore 16)
Torvast20mg (1cp ore 22)
Omepratazolo40mg (1 cp ore 7) La ringrazio ancora.
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La situazione illustrata dalla ecografia induce a consigliare una vita di riposo, favorendo una modesta attivita' fisica (camminaer un'oretta al giorno), il togliere ilò sale dalla dieta mangiando solo con il sale conrtenuto dei cibi.
Il dosaggio del Lasix e'...equino.
Purtroppo spesso noto questi dosaggi che non hanno alcun vantaggio per il paziente , sono del tutto immotivati e danneggiano la funzione renale (sono certo che se avra' gli esami a portata di mano potra' osservare un aumento dell'azotemia e forse della creatinina, nonche' probabilmente una riduzione della sodiemia ed un aumento della uricemia.

Tali effetti sono potenzialmente pericolosi.
Pazienti come lei vanno incoraggiati a bere , in modo da mantenere un'adeguata perfusione renale.

Arrivederci

cecchini
[#5] dopo  
Utente 401XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio dott Cecchini. I risultati degli esami arrivano tra stasera e domani e vediamo come sono. Lui è molto stanco e parla appena con un filo di voce. Sta seguendo una dieta iposodica e ipocalorica e comunque senza zuccheri ma c'è il diabete che non scende al di sotto dei 200. Secondo lei un ricovero potrebbe servire? Dal punto di vista del cuore, da quel poco che le ho potuto descrivere, la situazione le sembra grave??
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non ho dubbi che il paziente sia stanco e che abbia...un filo di voce.
Con quella dose di Lasix lo sarebbe anche lei.
E' una situazione molto seria, ma sono certo che i suoi cardiologi potranno permettere al paziente una qualita' di vita soddisfacente, nonostante le limitazioni.
Arrivederci

cecchini
[#7] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Io e il dott. Cecchini siamo entrati in contemporanea nel consulto (cioè ognuno ha risposto senza sapere che cosa scriveva l' altro/a).

A parte la leggera differenza di vedute sul bicchiere (mezzo pieno o mezzo vuoto), mi pare che sia evidente una sostanziale concordanza di opinioni.
Vorrei ribadire che anche io sono contraria ai dosaggi di diuretico troppo alti: il Lasix 500 corrisponde a 20 compresse, cioè davevro una dose da cavallo! Anche se ne prende "solo" 1/4 (cioè 5 compresse), l'assunzione in unica soluzione al mattino, assieme al bisoprololo, sicuramente abbasserà molto la pressione. A parità di dose sarebbe meglio distribuirlo nell' arco della giornata (2 cp al mattino, ed eventualmente le altre nel pomeriggio.
Ma consideri che se alla dieta iposodica associa un buon introito di potassio (compatibilmente con la funzione renale e la ionemia) probabilmente 2 o al massimo 3 compresse potrebbero essere sufficienti.

Tenere ricoverato un paziente di questo tipo non è una buona scelta: una regolare (anche se non pesante) attività fisica (camminare tutti giorni 20-30 minuti al mattino e altrettanti al pomeriggio) facilita la circolazione (ancje agli arti inferiori), riduce le richieste metaboliche dei muscoli, riduce il rischio di ipotensione ortostatica, serve a controllare anche la glicemia; stando ricoverato in ospedale resterebbe ancora più inattivo.
E' importante invece che il diabete sia seguito da un centro diabetologico, e che la dieta sia prescritta da una dietista.

La situazione non è disperata (questo era il senso del mio "Certo che si sopravvive!") ma è oggettivamente seria e va seguita con attenzione, ma può anche migliorare seguendo le norme igienico-dietetiche olter alal terapia farmacologica.