Utente 356XXX
Buongiorno dottore sono un ragazzo di 29 anni e ho un forte dubbio..
Proverò a spiegarmi meglio se riesco.
Da 3 settimane più o meno ho come un dolore/fastidio alla coscia destra in zona sottopelvica posteriore, e come una sensazione di scottatura e di punture di spilli, e peggiora sensibilmente quando cammino e la zona interessata strofina sui pantaloni creandomi un bruciore tipo da scottatura appunto, se sto fermo il problema cessa ma il solo toccarlo o cmq venendo in contatto con qualunque cosa provoca bruciore..
Strofinando molto con la mia mano sulla cute x capire massaggiare la zona mi sono accorto che c'è un rigonfiamento al tatto che nella controparte sinistra non c'è. La cosa mi ha allarmato molto ma ho lasciato perdere xk credevo k fosse magari una botta che non ricordavo..passando le settimane il fastidio si è molto abbassato ma non sparisce del tutto mentre il gon fiore rimane.. leggo su internet la parola sarcoma e l ansia mi aumenta.
La mia dottoressa senza neppure guardarmi mi prescrive brufen ma non ha effetto.
Questo gonfiore non è un Bozzo ma sembra un rigonfiamento non dolente e lo si nota più al tatto che alla vista e quando sovraccarico l arto si nota di più k a riposo. Prendo l iniziativa in preda alla ansia e prenoto privatamente in un centro specializzato una visita ecografia muscolo tendina.
Ero molto in ansia perché un mio amico e morto a 27 anni per un sarcoma retroperitoneale. Eseguo l ecografia e il dottore scruta con particolare perizia la zona interessata e infine mi dice che non c'è assolutamente nulla di anomalo e non ci sono lesione ne ai muscoli ne hai tendini, e che potrebbe essere un infiammazione femorale e di fare una cura fisiatrica col laser...
Vado a casa guardo su Internet e vedo che in alcuni casi alcuni siti scrivono che per la diagnostica di un sarcoma si fa un ecografia dei tessuti molli.
Rimango un po perplesso e adesso ho di nuovo paura.
Perché mi hanno fatti un ecografia muscolotendinea sul rigonfiamento e non quella dei tessuti molli?? Sono la stessa cosa? E possibile che quella che ho eseguito non ha evidenziato nulla perché appunto l ecografia sbagliata? Oppure sono la stessa cosa e sono io che sto andando in paranoia senza motivo?
Mi chiedo se questo rigonfiamento non sia già li da anni e quindi normale e che lo sto notando solo adesso che la zona ha questo fastidio.
Secondo voi dovrei rifare un altra ecografia?
Nei limiti di un consulto a distanza resto in attesa di una Vostra opinione..
Distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Il suo caso non può essere trattato a distanza (anche perchè vietatissimo) senza un esame clinico (=visita) accurato che da quanto scrive potrebbe avere efficacia superiore agli esami strumentali. Allo scopo e solo se necessario di essere indirizzato ad un approfondimento specialistico.

1) All'atto pratico Le consiglierei di tornare al controllo del curante sperando che non si ripeta >>La mia dottoressa senza neppure guardarmi>> ovviamente portando con sè l'ecografia che ha eseguito

2) STACCARE immediatamente dalla ricerca di iformazioni sulla salute sulla rete perchè sin qui ha rastrellato solo bufale da quanto scrive (^___^) e purtroppo su temi molto ansiogeni.

Legga perchè dovrebbe staccare su alcuni consulti, anche se richiesti su temi differenti, ma che hanno in comune...la cancerofobia.


http://www.medicitalia.it/consulti/archivio/273602-per_il_dott_catania.html
http://www.medicitalia.it/consulti/Medicina-interna/485977/Linfonodi-collo-gonfi#2225113
http://www.medicitalia.it/consulti/Senologia/481804/Retrazione-cutanea-al-seno-a-16-anni
http://www.medicitalia.it/consulti/Oncologia-medica/501083/Preoccupazione#2295319

Tanti saluti
Salvo Catania


[#2] dopo  
Utente 356XXX

Iscritto dal 2014
Dottore intanto grazie della Sua risposta.
So che internet è un arma a doppio taglio se usato con scorrettezza specie in campo medico. E so che la mia ansia è esagerata in base alla situazione..
Quello che mi tormenta nel mio problema è il non capire se ho fatto l esame giusto. Se con l ecografia che ho fatto se c'era qualcosa che non andava si sarebbe visto oppure no.. questa cosa mi sta creando un agitazione incredibile...
La prego dottore potrebbe darmi delle delucidazioni a riguardo? Che differenza c'è tra un ecografia muscolo-tendina e una dei tessuti molli? Vorrei un semplice parere personale..
Scusi ancora se la disturbo.
In attesa di una sua risposta Le porgo i miei più distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Con l'ecografia eseguita "si sarebbe visto"