Utente 357XXX
Buonasera, a breve devo fare una laparoscopia ginecologica per togliere dei fibromi e anche a scopo diagnostico dato che non riesco a concepire . Premetto che non sono mai stata nemmeno ricoverata,per cui ho notevole paura dell'intervento e dell'anestesia generale...
Vorrei chiedervi delle delucidazioni,in merito a ciò che mi ha detto l'anestesista con cui ho parlato negli esami prericovero:
-mi ha detto che prima dell'anestesia generale,mi faranno una anestesia locale per poter fare una iniezione spinale di morfina,così da evitare dolori post-intervento
Questa cosa non mi era stata detta prima,vorrei capire se è prassi comune. Mi ero a malapena rassegnata all'idea della totale,quando mi hanno parlato di questa puntura alla schiena! :-(
-quanto dura l'effetto dell'anestesia generale? Mi risveglierò facilmente,bene? Come si fa a sapere che non è pericolosa,non avendone mai fatte altre? L'anestesista rimane in sala operatoria tutto il tempo dell ' intervento?
-il fatto che ho (ed avrò ancor piu quel giorno)tantissima paura,può influire negativamente sull'anestesia?
Ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Buonasera, certamente affrontare l'intervento in questa situazione di panico non le giova psicologicamente meno, fortunatamente, sulla riuscita dell'anestesia che farà regolarmente il suo corso.
Capisco che una certa apprensione possa esserci non essendo mai stata sottoposta ad anestesie.
Tornando alla sua prima domanda invece sono rimasto piuttosto perplesso della procedura di effettuare una spinale?, peridurale? per il controllo del dolore post operatorio. L'anestesia per ogni intervento in videolaparoscopia è sempre una generale. Il dolore post operatorio è ben contenuto, proprio per il fatto che non è presente il vecchio tradizionale taglio laparotomico, con una media terapia antalgica endovenosa per cui non ritengo necessario associare altra tecnica oltre quella della "generale".
Cosa intende per "effetto" della AG? Se intende la durata, essa è proporzionale alla durata dell'intervento. Il paziente viene addormentato prima che quest'ultimo abbia inizio e svegliato in sala operatoria ad intervento concluso. Ergo, il paziente viene trasferito in camera solo se ben sveglio. Il dolore post operatorio non è certo controllato dalla anestesia bensì dalla analgesia post operatoria che il collega (sempre e assolutamente presente in sala per tutta la durata della procedura anestesiologica) prescriverà per controllarlo e che effettuerà durante tutto il corso della giornata anche in degenza.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno dottore,grazie per la risposta: considerando che il "giorno X "si avvicina,avere delle rassicurazioni da un professionista mi fà senz'altro bene!
Circa il fatto che prima della AG mi facciano una parziale per farmi una puntura di morfina nella schiena (così ha detto l'anestesista),mi ha dato ulteriore apprensione. Credo sia prassi della clinica,per questi interventi,non so...
- Scusi l'ignoranza,ma la AG come viene fatta? E dove? Per vena?
Mi dà panico pensare che all'improvviso divento incoscente e sono nelle mani dei medici... ho sia paura di non svegliarmi più,che di svegliarmi nel mentre e sentire dolore! Sò da me che sono cose assurde,ma in testa ho questo...
- Un'altra cosa: ma l'anestesia sparisce in poco tempo dall'organismo? E come ?Ho sentito molti che L' hanno vomitata ...
[#3] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dottor Alvino, la ricontatto a cose fatte,giusto per precisare che si,ho fatto l'anestesia "integrata" ossia "generale + locoregionale"! Mi hanno detto equivale all'epidurale che si fa ai parti cesarei... caspita,che dolore farla! Ed anche nei giorni successivi,un dolore incredibile anche solo a poggiarmi al cuscino! Ora,ad una diecina di giorni,avverto solo se tocco con la mano il punto dove è stata fatta,ed un lieve gonfiore...
[#4] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Ha eseguito una anestesia combinata. Personalmente per una videolaparoscopia ginecologica non eseguiamo nel nostro ospedale questa tecnica riservandola per altri interventi in cui comunque si richiede anche l'inserimento di un catetere peridurale nel quale proseguire con l'analgesia post operatoria nelle ore successive.
Così condotta non comprendo i vantaggi per il paziente.
Saluti
[#5] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2014
Dottore,la mia laparoscopia è stata comunque operativa,non so se questo conta...
Il catetere me l'hanno messo eccome,cosi come ho fatto molte flebo, antidolorifici ecc.
Credo che dipenda da clinica a clinica,quel giorno eravamo quattro ad operarci in laparoscopia,per motivi diversi e tutte con questa anestesia combinata...anche quella più" facile",che la mattina dopo han già fatto uscire!
Vorrei sapere da lei se è vero che quella punturona spinale equivale all'epidurale che si fa ai parti,e se è normale che dopo una decina di giorni si avverta ancora al tatto il punto dell'iniezione,ed un lieve gonfiore...
[#6] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Si certo, immaginavo fosse stata operativa. Attenzione! Io intendevo il catetere peridurale nella stassa sede dove è stata punta alla schiena come generalmente si fa per la partoanalgesia. Non certo il catetere vescicale.
C'è una differenza sostanziale tra l'anestesia spinale che si fa generalmente per il taglio cesareo e l'epidurale che utilizza un ago più grosso.
Certamente è normale la sensazione che riferisce alla schiena.
saluti
[#7] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2014
AHHHH caspita, non sapevo ci fossero diversi tipi di catetere,scusi l'gnoranza!
Dunque,se ho ben capito,lei mi dice che l'epidurale sarebbe ancora peggio di questa puntorona che ho subito? Sto seriamente riflettendo sul fatto che non so se per un'eventuale parto futuro ripeterei una simile esperienza (e figuriamoci se mi dice che è persino peggio l'epidurale!): alla fine,vengono fatte per non sentire dolore,ma di fatto esse stesse danno dolore e non poco per giorni !?!
Ad una mia collega di operazione,diciamo così,dissero che era la stessa puntura che si fa per i parti,ma io credo come lei che non fosse epidurale vera e propria!
ps. io l'ago non l'ho visto,e aggiungo per fortuna,perchè mi hanno fatta mettere di lato,ranicchiata,e quando mi hanno fatta raddrizzare...bum! Stecchita! ZZZZZ !!! E mi sono risvegliata ad operazione terminata.
[#8] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
No, un momento. non le ho detto che l'epidurale è peggio della "punturona". Le due tecniche sono apparentemente simili, utilizzano lo stesso approccio operativo.
Nella spinale si utilizzano degli aghi veramente sottili, appena percepibili e comunque si fa precedere il posizionamento dell'ago da un piccolo pomfo di anestetico locale sottocute. Una volta introdotto l'ago nello spazio cercato si procede alla somministrazione dell'anestetico.
La peridurale invece utilizza aghi di più grosso calibro, sicuramente va fatta una buona anestesia locale altrimenti non potrebbero essere introdotti e comunque con quest'ago potrebbe essere introdotto nello spazio peridurale del canale vertebrale un piccolo catetere per permettere l'infusione di anestetici locali e/o altri farmaci.

Un parto in futuro non è detto debba avvenire con taglio cesareo e comunque, se così fosse l'anestesia più sicura per lei e per il nascituro sarebbe sicuramente la spinale.
Comunque tutto mi sembra sia andato per il meglio. Saluti
[#9] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2014
Si,si, tutto bene grazie dottore! La saluto e la ringrazio dei chiarimenti,tra l'altro ho notato che opera in una zona che ho visitato quest'estate con molto piacere ;-)