Utente 284XXX
Buonasera,
mia madre ha avuto un solo episodio di fibrillazione atriale a Luglio del 2015. Ha 71 anni. Insufficienza renale di 3° stadio, Ipercolesterolemia e Ipertrigliceridemia.
A fine Luglio 2015 ha praticato un Ecocuore:
Atrio sinistro dilatato. Valvola mitrale con lembi fibrosclerotici e lieve insufficienza. Ventricolo sinistro di normali dimensioni con lieve ipertrofia del setto basale. Conservata la funzione sistolica e la cinesi segmentaria del ventricolo sinistro in condizioni di riposo. Pattern di flusso transmitarlico da disfunzione diastolica di I grado. Valvola aortica tricuspide, sclerotica, con lieve insufficienza. Radice aortica nei limiti. Ectasia della'orta ascendente. Arco aortico nei limiti. Sezione destre nei limiti. Valvola tricuspide con lieve insufficienza da cui si stima una PAPs normale. Pericardio indenne.
Agli inizi di Gennaio 2016 ha praticato un Ecg dinamoco Holter:
Ritmo sinusale a frequenza cardiaca media di 68 bpm. La frequenza cardiaca minima è stata di 46 bpm alle ore 6.24. La frequenza cardiaca massima è stata di 110 bpm alle ore 19.02
Stabile la conduzione S-A ed A-V.
Sono stati registrati 140 battiti prematuri sopraventricolari in 2 casi in run e 10 battiti ectopici ventricolari,.
Nulla di significativo a carico della fase di ripolarizzazione ventricolare.
E' in terapia con:
PRADAXA 110 mg x 2 cp
DOXAZOSINA 4 mg x1 cp
GIANT 40 mg + 10 mg x 1 cp
CORDARONE 200 mg 1/2 cp nei giorni di Lun. Merc. Ven.
Le cose come vanno? Deve continuare questa terapia?
Poiché usa il Pradaxa, non può effettuare le infiltrazioni, è possibile sostituire l'anticoagulante con uno compatibile per le infiltrazioni oppure c'è un approccio diverso? A motivo dell'insufficienza venosa di grado severo (varici) alle gambe non può operarsi.
Grazie.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La cosa che mi colpisce della terapia é che adun paziente come dice lei affetto da insufficienza tenale di 3 grado sia stato prescritto il farmaco Giant che cobtiene olmesartan, che é controindicato nella insufficienza renale.

Detto questo le infiltraaioni andrebbero sempre evitate, specie nei pazienti sotto anticoagulanti orali.

Arrivederci
cecchini