Utente 322XXX
Buongiorno, scrivo perchè ho una tumefazione di circa 3cm molto gonfia con l'arto in posizione verticale che va sgonfiarsi volecemente quasi del tutto quando ho la gamba sdraiata oppure sollevata, la posizione è sotto al malleolo proprio sul corso della grande safena, che da esami doppler però non è interessata dal problema, chiedo un consulto in quanto dopo numerose visite con pareri purtroppo differenti no so cosa fare e come comportarmi, l'ultima visita fatta addirittura da tre professionisti del ramo ha dato come responso che si tratta di un problema del sistema venoso profondo e che quindi non si fidano a operare e tra 6 mesi se non da problemi di fare una angio TAC per capire dove sta il problema, in primo luogo non capisco che senso abbia aspettare 6 mesi quando già ora il bozzo mi crea fastidio e disagio anche solo a portare le scarpe, in secondo luogo non mi è stato spiegato come mai in giovane età capitino queste cosa da una giorno all'altro.
Ora chiedo un aiuto per capire se posso fare attività fisica (tipo calcetto, palestra) se devo in qualche modo proteggere la parte, se devo usare cavigliere elastiche e soprattutto se è così complicato risolvere il problema che per me sembrava al limite un semplice intervento chirurgico. Aggiungo che in posizione eretta la palletta che si crea è veramente tesa e dura e che è peggiorata negli ultimi giorni.
Vorrei anche capire se può essere sintomo di malattie venose che nessuno ancora mi ha mai detto o diagnosticato.
Grazie.

Cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
comprenderà l'impossibilità di fornirLe a distanza valutazioni e pareri che possano essere più attendibili di quelli di chi ha potuto osservarLa dal vivo.
La possibilità che si tratti di una formazione vascolare (varice? fistola arterovenosa? esiti di trauma?) è possibile.
Comprendo le perplessità riguardo un trattamento chirurgico che potrebbe risultare meno banale di quello che sembra ("SEMPLICI INTERVENTI CHIRURGICI" non esistono!!).
La problematica va tuttavia valutata attentamente e affrontata in ambiente specialistiuco adeguato.
[#2] dopo  
Utente 322XXX

Iscritto dal 2013
Dottore la ringrazio capisco la difficoltà della distanza ma alcuni dubbi può risolverli, il primo, è possibile che questo problema possa essere il segnale di qualche patologia a carico dei vasi sanguigni, come le dicevo non ho mai sofferto di questi problemi ed è sorto dall'oggi al domani. Il secondo è una curiosità, nell'ultimo consulto mi è stato detto che è complicato intervenire nel sistema venoso profondo e che solitamente al di sotto del malleolo non si opera perché troppo rischioso, ecco vorrei sapere se questo è vero oppure devo sentire altri pareri medici.
Insomma mi pare impossibile che a 37 anni debba tenermi per il resto della vita questo bozzo sul piede che oltre ad essere fastidioso mi ha modificato l'attività sportiva che svolgevo settimanalmente con amicizie al seguito, insomma una parte della mia vita che rischio di perdere per sempre.
Grazie
Saluti.