Utente 853XXX
sono una ragazza di 25 anni con un problema al polso destro da 4 anni iniziato con l'apertura di una caffettiera prima il dolore si manifestava ogni tre-quattro mesi l'ospedale della mia città non è riuscito a trovare la causa del mio problema intanto il dolore si faceva più forte e frequente allora mi sono rivolta ad uno specialista:morbo di dequervain.Mi ha fatto fare un ciclo di 10 sedute di ionoforesi, mi ha bloccato il polso con un gesso in resina tutto questo per non ricorrere alle infiltrazioni visto che il mio polso è troppo sottile e rischio di rompere il tendine. Tutto questo senza nessun risultato l'ultima spiaggia è l'intervento. L 'unico dubbio: perchè neanche un'ecografia? voi cosa mi consigliate di fare? e se devo fare l'intervento dove mi consigliate di farlo? io abito in sardegna grazie per la vostra attenzione e spero in una vostra risposta a presto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
La diagnosi del Morbo di De Quervain è essenzialmente clinica: la sede del dolore e il fatto che alcune specifiche manovre evochino il dolore permettono di fare diagnosi. In genere il trattamento consiste nella immobilizzazione del pollice per tre settimane e assunzione di antinfiammatori, e poi di 2-3 infiltrazioni di cortisone. Se non basta si ricorre all'intervento. L'intervento è semplice, in anestesia locale e in regime di One Day Surgery, e consiste nella liberazione dei due tendini intrappolati, esplorandoli bene durante l'operazione perché qualche volta un tendine è costituito da più fasci distinti che possono essere intrappolati separatamente. Visto che è una patologia frequente, penso che il Suo medico possa consigliarLe dove farsi operare; io penso che a Sassario al massimo a Cagliari, se preferisce, può risolvere il problema.
Ci faccia sapere
[#2] dopo  
Dr. Antonio Mattei
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile utente
Concordo con quanto detto dal mio collega.
L'intervento è relativamente banale e se tutte le altre soluzioni non le hanno risolto il problema le consigli di riccorere a questo.
Per la struttura direi che essendo un intervento banale non esiti a farlo in Sardegna.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Lorenzo Rocchi
24% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Concordo anch'io. L'intervento, eseguito da un chirurgo con competenza in chirurugia della mano , é semplice, rapido, risolutivo e sopratutto, in seguito all'apertura chirurgica del canale tendineo, non si possono avere recidive, cosa che invece può avvenire dopo i trattamentio già tentati.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Paolo Sailis
36% attività
0% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Ovviamente concordo completamente con cio' che affermano i colleghi.
E' un intervento eseguito routinariamente nel nostro Ospedale.
La saluto.
[#5] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Il Morbo di De Quervain è una patologia che oggi viene trattata in maniera semplice e definitiva con un intervento chirurgico delicato ma efficace. Tale tipo di intevento viene effettuato in DAY SURGERY (nello stesso giorno si ricovera-si opera-dimisssione nel pomeriggio). L'anestesia è di tipo locale, pertanto molto ben tollerata dal paziente. Ritengo che per la sua semplicità, l'intervento può essere fatto tranquillamente da un buon ortopedico senza dover necessariamente ricorrere al chirurgo della mano. E' ovvio che se si ha la possibilità di avere nella propria city uno specialista della mano, è meglio. Nella mia esperienza le terapie alternative (infiltrazioni-laserterapia ecc.) non hanno quasi mai avuto benefici, per cui indirizzo vivamente verso una soluzione definitiva chirurgica. Anche la ripresa funzionale è buona, laddove siano state effettuate tutte le procedure descritte del caso. AUGURI!
Dr. Luigi Grosso (Napoli)
[#6] dopo  
Dr. Andrea D'Arrigo
40% attività
12% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Non devo aggiungere nulla anche perche' i miei colleghi sono stati piu' che chiari, sicuramente la scelta del chirurgo e' importante , credo che a Sassari trovera' sicuramente l' ortopedico che si occupa di chirurgia della mano, nel caso in cui le venisse in mente di sentire piu' pareri, le potrei consigliare il dott. Michele Milano che peraltro e' consulente presso questo sito, per il resto in Italia abbiamo tanti centri di riferimento, mi creda non sara' difficile ,stia del tutto tranquilla.
La saluto cordialmente
[#7] dopo  
Dr. Giuseppe Alessio Distefano
24% attività
4% attualità
0% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008
Cari colleghi, da meno di 2 mesi partecipo ai consulti di medicitalia. Anche dopo il mio primo consulto qualche collega ha scritto all'utente concordo con il...
Io credo, nel rispetto del paziente, che se uno o più colleghi concordano pienamente sulle più simili risposte date all'utente,egli stesso può non avere dubbi sulla patologia e cura più opportuna.
Cordiali Saluti