Utente 382XXX
Gent.mi uso l'anello nuvaring da qualche mese. Questa volta però ho dovuto prendere l'antibiotico (neofuradantin) per una forte cistite. L'ho preso per 10 gg. Durante questo periodo ho usato altri metodi contraccettivi ma poi, dopo due giorni dalla fine del trattamento, ho avuto un rapporto non protetto. Ho fatto il conto indicativo dei giorni fertili (contati in base al ciclo) e il giorno in cui ho avuto il rapporto era non fertile. Rischio comunque di essere incinta? Grazie anticipatamente
[#1] dopo  
Dr. Cesare Gentili
28% attività
20% attualità
12% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Le rispondo nello stesso modo con cui ho risposto a recenti quesito formulato da persona che avevano fatto uso di antiotici durante una terapia contracettiva estroprogestinica qualunque sia la via di sommistrazione usata
"Non ci sono studi , anche recenti , che confermino una credenza così diffusa riguardo a una diminuzione dell'effetto anticoncezionale in corso di una terapia contracettiva a base estroprogestinici o progestinici soli con una concomitante terapia antibiotica
L'unico antibiotico che ha confermato ridurre i livelli di estrogeni nel sangue è la rinfampicina e per il quale si suggerisce una contraccezione alternativa.
Questo tipo di antibiotico è peraltro poco usato nella pratica quotidiana per la prevenzione e la cura delle infezioni da gemi banali"
Nel suo caso, a parte le precauzioni prese, non vedo nessun rischio
[#2] dopo  
Utente 382XXX

Iscritto dal 2015
Gent.mo la ringrazio per la risposta. Mi chiedo allora come mai anche sui libretti di istruzione c'è scritto che gli antibiotici interferiscono con il funzionamento del metodo. Ancora grazie.
[#3] dopo  
Dr. Cesare Gentili
28% attività
20% attualità
12% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
In alcuni foglietti illustrativi on line viene segnalata, peraltro in maniera generica e senza alcun supporto bibliografico, interferenza tra l'antibiotico e il contraccettivo ormonale. Ciò purtroppo contribuisce ad aumentate la confusione nella materia.
Nelle schede tecniche del Prontuario Farmaceutico Nazionale AIFA e nei bugiardini acclusi alla confezione del farmaco l'interferenza non viene segnalata, a parte per alcuni antiotici particolari a cui ho fatto cenno