Utente 402XXX
Salve, da 3 anni circa ho difficoltà a scrivere, o meglio nell'atto di scrivere istintivamente faccio troppo forza sulla penna di conseguenza rallento moltissimo il tratto e scrivo malissimo, a volte per scrivere alcune lettere ci impiego alcuni secondi. Con la mano riesco a fare tutto tranne che scrivere, anche piccoli lavoretti come cucire o infilare ago e filo, (sono un CC), sparo con la pistola, tutto ok. Esami fatti: visita neurologica, tutto ok, radiografia omero e braccio, pensando ad un ossicino che comprime il nervo del braccio, NEGATIVA, ecografia alla mano e al polso, pensando a qualche problema con i tendini, NEGATIVA, elettromiografia NEGATIVA, in questa sede il medico mi riferisce che si tratta sicuramente di "crampo dello scrivano" suggerendomi di fare delle infiltrazioni di botulino. Fatte anche queste, dopo la 1^ nessun cambiamento, nessun sintomo, dopo la 2^ a distanza di qualche giorno, pollice e mignolo quasi non si muovevano più, nello scrivere non facevo più tanta forza, ma comunque non riuscivo a scrivere bene. Ho lasciato perdere. Il mio medico di famiglia non è daccordo con la diagnosi del crampo dello scrivano, perchè lui dice che può averla solo chi scrive tantissimo, mi ha detto che potrebbe trattarsi di un rifiuto mentale al solo pensiero di scrivere. Io non scrivo tanto, compilo solo qualche verbale e metto un po di firme, diverse e strane anche queste. Da un po di tempo, nello scrivere sulla tastiera del pc mi capita di sbagliare una lettera per un altra o di scrivere 2 lettere sbagliate in una stessa parola. Per problemi di setto nasale deviato, quindi di respirazione, dormo quasi sempre sullo stesso lato, quello dx, quello che uso per scrivere, può essersi schiacciato, con il peso qualcosa alla spalla che può portarmi il disturbo nello scrivere? Oppure si tratta veramente del crampo dello scrivano e magari dovrei sottopormi ad intervento chirurgico? A quale altro medico posso rivolgermi? Posso fare qualche altro esame? Sta diventando un ossessione, effettivamente appena mi metto davanti un foglio da compilare, al solo pensiero di dover scrivere, sto male.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

certamente non si tratta di un problema di pertinenza chirurgica.

Da quanto dice, sembra invece che ci sia una importante componente psicologica (primaria o più probabilmente secondaria), che andrebbe affrontata e risolta.

Solo dopo aver risolto la problematica psicologica mi soffermerei a valutare l'eventuale disturbo residuo, non il contrario.

Buona giornata.