Utente 402XXX
Salve dottori vi scrivo perché ieri ho avuto una forte tachicardia, premetto che non soffro di problemi al cuore. Circa 3 anni fa ho cominciato a soffrire di ansia e attacchi di panico che purtroppo mi hanno creato problemi all'apparato digerente, ho fatto analisi, ecg, ecocardiogramma doppler, ed il mio cuore è risultato sano. Ho fatto gastroscopia, e l'esito è stato: cardias incontinente, ed esofagite da reflusso. Il mio problema è apparte i disturbi digestivi, che a volte dopo mangiato se ho una digestione pesante, mi partono i battiti accelerati che diventa una vera e propria tachicardia, ieri appena finito di mangiare i battiti sono schizzati a circa 140 al minuto, avevo tremori alle mani , sentivo entrambe le mani formicolanti , ho fatto dei respiri profondi ed entro 2 minuti i battiti sono scesi, ho avuto un forte senso di sonnolenza e sembrava che mi avesse lasciato le vertigini, questa cosa mi capita ogni tanto in concomitanza di una indigestione o aria nello stomaco, il mio medico mi dice di stare tranquillo perché il problema è dovuto dal mio stomaco , dai succhi gastrici . vorrei sapere cosa ne pensate voi, attendo risposta grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Direi che lei ha due cose da curare:
- l'esofagite da reflusso con farmaci idonei
- gli attacchi di panico, con terapia idonea.

Quindi dica pure al suo medico che non basta fare un a diagnosi esatta, ma bisogna curare il paziente

Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 402XXX

Iscritto dal 2016
Dottor cecchini la ringrazio della risposta, volevo inoltre dirle, che faccio una cura con pantoprazolo 20 mg, prendo anche gaviscon ma non li prendo regolarmente, per quanto riguarda gli attacchi di panico, quando mi prende questa tachicardia forte non sono in ansia e ne in panico, pensa potrebbe essere un aritmia?
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
lo dice da lei...e' panico..
Poi i farmaci come il pantoprazolo non sia ssumono casaccio ma se si iniziano si devono assumere a digiuno prima di colazione per 3 -4 settimane a fila.
Altrimenti possono esser dannosi

Arrivedereci
[#4] dopo  
Utente 402XXX

Iscritto dal 2016
Mi ricordo che all'inizio di questa terapia , mi disse il mio medico, che questa avrei dovuto prenderla per sempre perche purtroppo il cardias resta incontinente per sempre, tranne che soli nel caso mi facessi un operazione, forse è il caso di parlare con un gastroenterologo? Dottore mi hanno detto pure che i problemi digestivi causano tachicardia e aritmia, le volevo dire inoltre che soffro anche di extrasistole , non sempre ma saltuariamente dopo mangiato o quando mi piego in avanti, inoltre circa un mese fa mi sono svegliato di notte con battiti accelerati, che si è trasformata in una forte tachicardia , questa cosa mi preoccupa un po' , ma è pure vero che sti sintomi li ho da quanto soffro di problemi digestivi.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le ho gia risposto nei precedenti post.
Se continua ad inviare le stesse domande ricevera' sempre le medesime risposte.

Arrivederci

cecchini