Utente 123XXX
Buongiorno,
ieri sera ho fatto esercizi fisioterapici di riabilitazione per la spalla destra con:
- movimenti di trazione della spalla nei due sensi (aprire e chiudere), con emi-rotazione "orizzontale" dell'avambraccio
- braccio a 90° fisso al fianco, insieme al gomito
- elastico legato a spalliera

Ho fatto 4 serie x 20 roto-trazioni ad aprire e 4 serie x 20 roto-trazioni a chiudere

A fine seduta, nessun problema

Da dopo circa un paio d'ore e fino ad adesso, però, ho un pò di dolore-fastidio al dito medio della mano destra (quella della spalla sottoposta all'esercizio), penso dovuto all'elastico arrotolato intorno alla mano che abbia esercitato una certa pressione-trazione anche sulle dita della mano che stringe.

E' un pò di dolore-fastidio (non insopportabile nè invalidante) difficile da descrivere: non è tanto alla palpazione nè al movimento in sè quanto piuttosto al movimento "contrastato", inoltre è come se avvertissi una sorta di "rigidità" dei muscoletti-tendini delle prime due falangi; ad es:
- se provo a chiudere le falangine mentre premo internamente sulla I° falange con un dito dell'altra mano
- se premo contrasto la punta del dito contro il pollice e pongo resistenza.

E' un problema di poco conto o devo valutarlo come non banale e, quindi, starci attento per evitare che peggiori?
Inoltre, essendo io un musicista (suono il basso elettrico), posso suonare tranquillamente (anche se avverto un pò di fastidio-indolenzimento) o devo fare attenzione?

Grazie a tutti dell'attenzione

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

mi limiterei ad attendere 24-48 ore: il fastidio dovrebbe scomparire.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 123XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno dr. Leccese,
grazie per la risposta.

Sono passati 14 gg dall'evento:
- parte del fastidio/dolore è diminuito
- tuttavia permane ancora un certo dolore (nell'emi-metà del dito medio dalla parte dell'anulare) se contrasto il movimento di chiusura del dito medio ad es. premendo con il pollice sull'ultima falange del dito (spero di essere stato chiaro nella spiegazione).

In questi giorni ho applicato sia Voltaren Emulgel che, recentemente, Arnica Compositum, ma non mi è sembrato di riscontrare particolari miglioramenti dovuti all'uso delle stesse.

Cosa potrebbe essere a questo punto a suo avviso?
Suggerisce qualcosa di ulteriore da fare?
Quali potrebbero essere approssimativamente i tempi di "guarigione completa", limitandosi esclusivamente all'evitare di compiere le gestualità che causano il fastidio-dolore?

Grazie ancora per l'attenzione.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Continuerei ad aspettare, visto la tendenza al miglioramento.
[#4] dopo  
Utente 123XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno dr. Leccese,
grazie per le precedenti risposte.

Ad oggi sono passati circa 40 giorni dall'evento traumatico.

Nonostante un lento ma progressivo miglioramento, è da 4-5 gg che avverto un leggero formicolio (non doloroso ma un pò fastidioso) in zona palmare della mano, c.ca 1-2 cm sotto la prima falange del dito imputato (dito medio mano dx), specie al termine di alcune attività (come ad esempio suonare).

Inoltre il dolore nella flessione del dito, anche se un pò diminuito, permane.

Preciso che fino ad oggi ho comunque sempre suonato e svolto le varie attività senza fastidi (tranne quando contraevo il dito come descrittole in uno dei messaggi precedenti).

Inoltre ieri, dopo aver suonato, un amico massaggiatore mi ha praticato dello stretching e un massaggio traverso al tendine in zona palmare, ma non mi sembra che la cosa mi abbia portato giovamento, anzi.

Considerando la cosa nel suo complesso, cosa mi suggerisce di fare.

Di mio, ho ripreso ad applicare arnica compositum 2 volte/gg (non penso che faccia male) + ghiaccio alla sera, nella zona interessata, per 10-15 min.

Sono un pò disorietato.

Attendo un riscontro.

Grazie in anticipo per l'attenzione.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
A questo punto, se il disturbo persiste, conviene fare una valutazione diretta.
[#6] dopo  
Utente 123XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno dr. Leccese.

Circa 3 settimane fa sono stato dal mio medico di base per esporgli il problema (come da lei suggeritomi): mi ha detto che è probabile che il tendine infiammato (a causa della fisioterapia) prema su uno dei nervi causandomi la sensazione di formicolio nella zona interessata (ovvero 1,2 cm sotto la prima falange del dito medio, sul palmo della mano).

Dopo circa una settimana il fastidio è scomparso, e non ho più avuto problemi per una settimana circa.

Ora è però nuovamente da circa una settimana che ho di nuovo la stessa sensazione di formicolio nello stesso punto (che, talvolta, percepisco come si se si “estendesse” debolmente anche però nella zona volare dell'avambraccio e fin sotto il bicipite, in prossimità dell'ascella).

Che mi suggerisce di fare?
E' sufficiente attendere ancora un po' di tempo e reputa sia il caso di indagare ulteriormente?

Le preciso, per completezza del quadro, che il fastidio tendineo al dito medio (che è iniziato oltre 2 mesi fa, il 10 febbraio), sta diminuendo progressivamente ma in modo molto molto lento (ad oggi è oggettivamente minore che all'inizio ma permane ancora un po', specie quando afferro oggetti in determinate posizioni del dito).

La ringrazio in anticipo per l'attenzione.
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Il formicolio non è collegabile a una infiammazione tendinea.

Se la situazione migliora, anche se lentamente, l'unica cosa è continuare come sta facendo.