Utente 403XXX
Buongiorno, vorrei porre un quesito che oltre dolore, mi sta provocando disagio.
Ho un partner da un anno, con cui ho avuto anche Il mio primo rapporto sessuale (un po' doloroso, ma senza perdite di sangue). Durante quest' anno, ho avuto svariate volte candida e perdite bianche cremose maleodoranti.
Ho esegiuto il tampone vaginale, sotto consiglio della mia ginecologa, a novembre 2015.
L' esito è stato : candida albicans, escherichia coli, enterococcus faecalis e steptococcus agalactiae.
Ho fatto eseguire anche al partner un tampone, da cui è derivato solamente escherichia coli; curato con antibiotico.
Io mi sono curata con un antibiotico a base di ampicillina, lavande vaginali e ovuli.. ma nonostante tutto la candida e le perdite maleodoranti si sono ripresentate.
Ho cambiato ginecologo e mi è stata prescritta una cura differente a base di ovuli e lavande vaginali, che mi hanno fatto passare la candida ma certe perdite, a distanza di ormai di 6 mesi di cure, si ripresentano spessissimo e non riesco a risolvere il problema.
Sono molto giovane, ho rapporti sessuali frequenti con il mio partner, ma sono dolorosi durante ogni penetrazione, a livello dell' apertura vaginale e non in profondità. Dopo le 2 cure dell' infezione ho avuto rapporti protetti e non.
Ho provato ad utilizzare lubrificanti, pensando fosse dovuto ad una scarsa lubrificazione; ma il dolore persiste.
I rapporti non sono sempre stati dolorosi, il dolore è iniziato a dicembre 2015 e persiste anche attualmente.
A livello vaginale, ho notato la presenza di un "filetto" sulla parte posteriore della vagina, esternamente.
Può essere che ho appunto l' imene ancora integro e che con lo sfregamento durante i rapporti, data l' elasticità, non si laceri ma che comunque si infiammi e mi provoca forte dolore? O potrebbe essere causato dal fatto che probabilmente vi è ancora un' infezione in corso?
Come posso risolvere il problema, o quale potrebbe essere? È necessario che continui ad utilizzare il preservativo? Potrei contagiare il partner in caso di rapporti non protetti?
Grazie mille per l' attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Un setto vaginale? Setto imenale?
Molto importante la valutazione clinica , l'origine vaginale o vulvare condizione la sua eventuale asportazione.
Potrebbe essere una delle cause di fastidio durante i rapporti .
I rapporti protetti sono utilizzati come contraccettivi non solo come prevenzionee di malattie sessualmente trasmesse.
Saluti