Utente 271XXX
Salve, piacere Rossella.
Dalla scorsa estate ho riscontrato improvvisamente(e dico improvvisamente perché non ho mai sofferto di queste problematiche)prurito,rossore,leggero gonfiore e sensazione di corpo estraneo o sabbiolina(per fare un esempio) negli occhi. Mi sono recata da un oculista il quale ha rilevato una presunta congiuntivite allergica dettata,secondo lui, dal troppo caldo e dall'azoto presente nell'aria. A questo punto ha ritenuto opportuno prescrivermi,in diverse visite non ottenendo beneficio per ogni cura, VISUGLICAN, VISUMETAZONE,LACRISEK OFTA PLUS,CLARITYN e IMIDAZYL. Insomma,sono stata leggermente bene solo con l'arrivo dell'autunno ma non grazie a queste cure. Ma aimè ,oltre a questi sintomi ,si è presentata un'eccessiva secrezione curata mediante un atro oculista con NETILDEX per una settimana,seguito da una settimana di CORTIVIS ed infine da 20 giorni di BRUNISTILL...questo perché l'oculista in questione riteneva che io avessi una congiuntivite batteria. La secrezione è passata nel suo eccesso ma continuo ad avere gli stessi sintomi esposti precedentemente anche se in forma meno aggressiva rispetto all'inizio.
Non so più cosa fare e come affrontare il problema. Leggo tante testimonianze su internet simili a me ma da sola non posso aiutarmi. Ho letto dello streptococco, ad esempio.... Può essere lo streptococco ad avermi scatenato tutto ciò? In che altro modo posso azionarmi?
Ringrazio in anticipo e spero in un vostro aiuto.
[#1] dopo  
Dr. Valerio Bo
24% attività
4% attualità
16% socialità
MELE (GE)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Salve,
la sua sintomatologia è tanto frequente quanto aspecifica, compatibile con una generica infiammazione della superficie oculare. Il prurito, più nello specifico, è un sintomo spesso correlato a fenomeni allergici.
Tralasciando l'ipotesi di allergia all'azoto (possibile che abbia frainteso?), mi concentrerei in primo luogo su questa ipotesi: personalmente prescrivo un collirio steroideo associato ad un antiallergico. Leggo che ha già assunto entrambe le classi di farmaci, ma, soprattutto nei casi come il suo, la terapia andrebbe portata avanti più a lungo ed in modo più regolare.
Ovviamente non vanno trascurate anche possibili condizioni associate ad una dislacrimia, o in generale ad occhio secco, nè una sindrome astenopeica, quindi da difetti visivo non corretto.

Ovviamente tutto ciò è un discorso che va affrontato con uno specialista, motivo per cui le consiglio, se non è rimasta soddisfatta dai precedenti colleghi, di rivolgersi ad un altro oculista.

Resto a disposizione,
[#2] dopo  
Utente 271XXX

Iscritto dal 2012
Salve Dottore...
In primis la ringrazio per la risposta.
Durante tutto questo lungo,per me, periodo ho anche avuto la sensazione di occhio secco; proprio per questo ho sempre a portata di mano "lacrime artificiali" naturali, perché ritengo eccessivo l'uso di numerosi colliri "importanti", o comunque basati su cortisone, poiché, come le dicevo prima, non ho tratto mai beneficio se non mediante NETILDEX GEL che mi ha attenuato la secrezione(se dico bene).
Non ho gli occhi rosso fuoco, ma li ho gonfi soprattutto al mattino. Tento a non "stuzzicarli" , ma è difficile. Il prurito è concentato nell'angolo interno,nello sbocco lacrimale(chiedo scusa, non conosco i termini giusti).
Sicuramente mi rivolgerò ad un altro oculista, ma.... esiste un esame specifico che possa analizzare l'occhio ? Esistono tamponi "dell'occhio"? Scusi l'ignoranza, ma è dettata dalla mia esasperazione! :)
[#3] dopo  
Dr. Valerio Bo
24% attività
4% attualità
16% socialità
MELE (GE)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2016
I tamponi oculari, di diversi tipo, ovviamente esistono, ma non mi pare ci siano gli estremi per eseguirne alcuno.
Ovviamente le rispondo senza averla mai visitata, quindi mi baso solo su alcuni sintomi (come le dicevo: molto generici) che lei riferisce, e risulta difficile dare risposte più precise. Per esempio il maggior fastidio durante le ore del mattino può far pensare ad una blefarite, ovvero un'infiammazione, anche cronica, del bordo palpebrale.
Se le può essere d'aiuto consideri che questo tipo di problemi sono all'ordine del giorno per qualunque oculista, ma chi si occupa di segmento anteriore, ed in particolare di superficie oculare, la saprà aiutare sicuramente nel migliore dei modi.

Resto a disposizione,
[#4] dopo  
Utente 271XXX

Iscritto dal 2012
Capisco ciò che mi ha esposto! Provvederò per come mi ha consigliato.
Il segmento anteriore a cosa equivale? In ogni modo esiste una cura che elimini le mie problematiche? In famiglia ho mia sorella che soffre di congiuntivite allergica ma in primavera(occhi rosso fuoco) e non per tutto l'anno. Ecco che non mi spiego questo mio costante fastidio. La ringrazio.
[#5] dopo  
Dr. Valerio Bo
24% attività
4% attualità
16% socialità
MELE (GE)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2016
Il segmento anteriore consiste nella porzione di occhio più anteriore, appunto, rispetto ad altre. Alcuni colleghi si occupano prevalentemente di una branca dell'oculistica piuttosto che di un'altra, e tra queste vi è proprio la superficie oculare.
Consideri che ci sono i pazienti che presentano forme allergiche che durano molti mesi durante l'anno, o anche forme croniche. Dipende molto dal tipo di allergene.

Vedrà che con una cura adeguata si sistemerà tutto.
[#6] dopo  
Utente 271XXX

Iscritto dal 2012
Seguirò io suoi consigli. E' stato esaustivo, a differenza di chi mi ha seguito da vicino.
La ringrazio.
Rossella.