Utente 403XXX
Buongiorno Devo sottopormi a breve ad un intervento di chiusura di un difetto interartriale osteum secondum , non possono intervenire in percutanea per via della posizione del "buco"...E 'la prima volta in assoluto che mi opero , la domanda è forse sciocca ma io soffro da sempre di disturbi di stomaco e alimentari di vario genere, non sempre riesco a tenere dentro quello che mangio e anche se la terapia mi sta aiutando molto ho ancora episodi di vomito dopo i pasti.L'intervento prevede un ricovero di una settimana, ma se dovesse verificarsi uno di questi episodi quando sono ormai dimessa, quali potrebbero essere le conseguenze sulla "ferita" o sul cuore stesso? cosa si rischia?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
Stia tranquilla per lo stomaco. Sarà cura dei medici darle tutte le terapie del caso.
Piuttosto in fare di prericovero faccia presente questo problema ai medici ed eventualmente faccia una valutazione GEL (gastroenterologica)