Utente 855XXX
Gentili Dottori, ho 50 anni e da circa 20 soffro di ipertensione arteriosa non grave tenuta sotto controllo con i farmaci prescritti; da alcuni anni, però, risulta dalle ecocardiografie una dilatazione dell'aorta ascendente che circa 10 anni fa era 35 mm, salita a 40 mm nel 2002 e passata da 40 a 42 mm nell'ultimo anno con leggero prolasso della valvola aortica. Premetto che sono alto 187 cm, per 84 kg di peso e svolgo intensa attività fisica (canoa, bici e body building)non ho mai fumato ( ma sono un tipo ansioso); vorrei sapere che esami o interventi mi consigliate per risolvere il mio problema e se è reversibile senza interventi chirurgici. Mille grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la dilatazione dell'aorta ascendente (ectasia) è una delle complicanze dello stato ipertensivo non controllato o cronico (come nel suo caso; spesso legata ad un'accelerazione del processo degenerativo aterosclerotico),trattasi di una patologia di indirizzo cardichirurgico soltanto allorquando il diametro aortico supera i 60mm o si complica (dissezione). Allo stato pertanto il suo quadro non desta particolari preoccupazioni, continui i controlli ecocardiografici e pressori.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
62314

Cancellato nel 2008
L'indicazione chirurgica alla sostituzione dell'aorta ascendente si pone già quando il diametro supera i 50 mm o, nel caso di sindrome di Marfan (o altre sindromi degenerative connettivali) o di presenza di valvola aortica bicuspide, quando il diametro supera 45 mm.
Ovviamente indicazione chirurgica non equivale per forza ad intervento: in ogni paziente occorre valutare il rapporto rischio/beneficio. Tenga attentamente sotto controllo la pressione: non deve superare 120/80. Ripeta un eco tra 6 mesi.
Saluti
[#3] dopo  
Utente 855XXX

Iscritto dal 2008
Vi ringrazio moltissimo per l'immediata risposta. Volevo però sapere se c'è la possibilità che tale patologia sia reversibile, se sia cioè possibile evitare un futuro intervento chirurgico cambiando i medicinali anti ipertensione (Carvipress 25 e Tareg 80) e adottando un diverso stile di vita. A tal proposito mi è stato detto anche di non esagerare con l'attività fisica. Ho dimenticato di dire che faccio spesso turni di notte e che ho notato, quando ho la possibilità di misurarla, un aumento della pressione minima sino a 90/95.
Grazie
[#4] dopo  
62314

Cancellato nel 2008
La dilatazione dell'aorta non è reversibile anzi tende costantemente ad aumentare, ovviamente in modo molto più veloce nel tempo se la pressione non è sotto controllo. Per questo motivo è utile eseguire almeno una TC torace e poi un ecocardio ogni 6-12 mesi. Credo che la terapia vada bene. Il riscontro occasionale di una pressione minima a 90 circa mmHg non è grave: se però si accorge che questo valore è costante, occorre cambiare o potenziate la terapia.