Utente 147XXX
Buongiorno Dottori,
vorrei chiedere un Vostro parere con riferimento alla seguente situazione:
all'inizio dell'anno scorso ho subìto una frattura scomposta di tibia e perone, terzo medio diafisiario, trattata con chiodo endomidollare EXPERT SYNTES in titanio.
La guarigione della frattura, a livello osseo, è stata dichiarata a gennaio di quest'anno, ed ho un callo osseo molto grande, che si vede bene, a livello tibiale.
Però purtroppo ho avuto, e tuttora ho, molti problemi a livello muscolo - tendineo: in particolare, sento sempre una spiacevole sensazione nella zona della frattura e in quella esterna della gamba, come un "doloroso formicolio".
Inoltre, se mi alleno con intensità (ad esempio cyclette, tapis roulant, corsa anche leggera, ecc), mi si gonfia tutta la zona della frattura, soprattutto tra tibia e perone, con grande dolore e necessità di prendere anche anti infiammatori per bocca.
Sto facendo anche TECAR terapia, ma non serve a moltissimo.
Pertanto, su consiglio del medico curante, ho effettuato una RM, con il seguente responso:
"esiti di frattura mediodiafisiaria biossea di gamba tratta a livello tibiale con osteosintesi, con segni di consolidazione ai due livelli con apposizioni periostali di particolare evidenza sul versante mediale tibiale. La presenza di artefatti metallici dovuti ad osteosintesi non permette altre deduzioni in particolare sulla struttura ossea.
Non apprezzabili alterazioni delle parti molli oltre a quanto segnalato a livello paralesionale.
Alcune scansioni della caviglia non evidenziano alterazioni morfostrutturali dei profili articolari tibiotarsici e sottoastragalici.
Moderato versamento endoarticolare in sede tibiotarsica.
Non alterazioni delle strutture capsulo-legamentose compartimentali nè tendinopatie paraarticolari".

Ho consultato dunque il mio medico, che mi dice di avere l'impressione che si possa trattare di uno scorretto carico sulla gamba lesa, a seguito dell'incidente, che comporta questi versamenti.
Inoltre, la fastidiosa sensazione di "doloroso formicolio", secondo l'ortopedico, potrebbe derivare da callo osseo così grande, che "schiaccia" le strutture muscolo tendinee e vascolari nella zona tra la tibia e il perone, con conseguente infiammazione se mi alleno intensamente e pertanto sforzo la zona.
Posso avere una Vostra opinione generale sul suddetto referto, e poi sapere perchè secondo Voi ho questa sgradevole sensazione alla gamba, e se la sforzo mi si gonfia e si infiamma?

Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Paolo Sailis
36% attività
4% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile signore,

la RMN non evidenzia particolari problemi, considerando che la presenza del mezzo di sintesi provoca dei cosiddetti "artefatti" impedisce la visualizzazione completa delle strutture.
La tumefazione di cui lei parla potrebbe essere un veramento, oppure una piccola ernia muscolare, entrambe possono causare anche quel formicolio di cui lei parla.
il suo ortopedico, che puo' visitarla, potra' fornirle ulteriori informazioni.

Un cordiale saluto.