Utente 403XXX
Circa un anno, precisamente ad aprile 2015, mi sono sottoposta ad una regolare visita ginecologica e a seguito di esame colposcopico, è emersa la presenza di un epitelio bianco sottile piatto alla cervice. Il ginecologo ha fatto il pap test, i cui esiti poi sono stati negativi, e nel frattempo mi ha consigliato di fare una cura per tre mesi con ovuli finderm forti, nella speranza che potesse riassorbirsi. A settembre 2015, sono riandata a controllo e dalla visita è emerso che l'epitelio si era moderatamente ridotto, ma era ancora li.
Dunque mi ha consigliato di ritornare a dicembre per sottopormi a biopsia. Oggi mi sono stati consegnati gli esiti e da essa è emersa la seguente diagnosi: il quadro morfologico mostra una cervicite cronica con aree di metaplasia squamosa atipica dell'epitelio di rivestimento. Il ginecologo quindi mi ha consigliato di fare per altri tre mesi una cura con gli ovuli finderm forte da inserire per 10 giorni al mese e di ritornare a controllo a maggio, per valutarle se fare una bruciatura di tale metaplasia oppure tenerla sotto controllo senza intervenire.
Ha agito bene il mio ginecologo? è il caso di aspettare? ma sopratutto questa metaplasia squamosa atipica potrebbe diventare cancerogena? cosa comporta?
Grazie mille.
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Di Felice
32% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2005
Direi che il suo medico è molto scrupoloso; una metaplasia squamosa atipica è un quadro da ricontrollare anche a distanza di 8-12 mesi con esame colposcopico che non evidenzia lesioni di allarme. Di per se non ha rischio di cancerogeno.
[#2] dopo  
Utente 403XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio Dott. Di Felice per la celerità del suo consulto. Mi ha rasserenata. L'unico mio timore è dato dal fatto che tale metaplasia squamosa sia atipica. Potrebbe tale atipicità far trasformare la metaplasia in neoplasia? Sarebbe il caso di bruciarla a prescindere e senza aspettare? Grazie mille. La saluto.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Di Felice
32% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2005
A parte che qualunque progressione verso una condizione di displasia richiede tempi lunghi, non mesi ma anni, qualunque variazione in senso peggiorativo darebbe indicazione al trattamento. Comunque se questa precarietà le comporta un peso psicologico, può farlo; certo rimane una forzatura. Auguri