Utente 858XXX
Gentili Dottori,
mia moglie e io (rispettivamente 35 e 42 anni) abbiamo dovuto intraprendere la “via” della PMA per provare ad avere figli (dopo tre anni di tentativi vani). Ci siamo rivolti ad una clinica privata in Svizzera ed abbiamo effettuato la ns prima ICSI: la stimolazione (protocollo lungo) ha portato a 29 ovuli dei quali 22 fecondati e crioconservati.
Ad ogni transfer la clinica ci consegna la fotografia degli embrioni enunciandone le caratteristiche: in base a cosa viene valutata la qualità degli embrioni? Questo perché guardando l’immagine ci sorgono dei dubbi su quanto il biologo ci comunica circa l’effettiva qualità embrionale.
Ringrazio per il parere che ci vorrete cortesemente dare.
Cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Ario Joghtapour
44% attività
20% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
..n base a cosa viene valutata la qualità degli embrioni?

Classe A (o grado 1) se l’embrione presenta: blastomeri di uguale dimensione e regolarità nella loro forma, presenza di una buona simmetria fra le cellule e bassissima percentuale di frammentazione.
• Classe B (o grado 2) se l’embrione presenta: blastomeri della stessa dimensione ed una certa regolarità nella forma, buona simmetria ed una percentuale di frammentazione inferiore al 20%.
• Classe C (o grado 3) se l’embrione presenta: blastomeri con piccole differenze nelle dimensione e forma, una certa simmetria ed una percentuale di frammentazione media che può variare dal 21 al 50%.
• Classe D (o grado 4) se l’embrione presenta: blastomeri con differenti dimensioni e irregolarità nella forma, assenza di simmetria ed un’alta percentuale di frammentazione, superiore al 50%.

cordialmente
[#2] dopo  
Utente 858XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio vivamente per la cortese risposta.