Utente 468XXX
Salve, volevo un parere su un problema relativo a mio padre. Sei mesi fa ha subito l’asportazione della prostata per un carcinoma e ora le sue condizioni sono buone. Dopo l’intervento ha iniziato una terapia ormonale, il farmaco si chiama firmagon. Ultimamente misurando la pressione ha notato un battito cardiaco irregolare. Dopo quattro battiti è come se saltasse il quinto e poi il ritmo riprende. Meno di un anno fa si è sottoposto a tutti i controlli possibili anche a livello cardiaco a il cuore non ha mai dato problemi. Anche prima dell’intervento i medici non hanno segnalato alcun problema cardiaco. Soffre di pressione alta per cui prende regolarmente dei farmaci e le analisi del sangue sono buone. La domanda è molto semplice: è possibile che la terapia ormonale possa aver portato questo battito irregolare? Fino ad ora gli effetti collaterali della terapia sono stati un aumento del senso di ansia e vampate di calore. A livello cardiaco questo battito irregolare è stato scoperto per caso e il medico di famiglia dice che è legato allo stress e all’ ansia. C’è da preoccuparsi? Dovremmo consultare un cardiologo?
Grazie per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Occorre che suo padre esegua un ECG ed eventualmente una registrazione Holter delle 24 ore.

Arrivederci