Utente 404XXX
Buonasera,
Ho 33 anni e dopo due gravidanze ho 15 chili di troppo che sto cercando di perdere con un po' di esercizi cardio/tonificazione "fai da te" in casa, avendo due bimbi piccoli a cui badare. Ho sempre frequentato palestra o fatto sport moderato quindi ho un minimo di conoscenza e mi sembra di fare un lavoro graduale. Appena provo a rendere l'allenamento leggermente più intenso ho subito( dopo 5 minuti al massimo) un forte dolore alla gola, alla bocca, alla faccia, denti mandibola, alla testa, ovviamente aumento del battito e forte dolore a respirare con fiato che si spezza. Il dolore acuto rimane per almeno 5/10 minuti e va scomparendo, anche se rimane lieve anche dopo 30 minuti. Questo dolore me lo ricordo fin dai tempi della scuola, ogni qual volta lo sforzo superasse anche di poco le mie abitudini. Tant'é che per me é sempre stato impossibile correre, saltare la corda, fare spinning, nuotare a stile libero, solo per questo dolore, mi sono sempre limitata ad attività più moderate quali aerobica, camminate ecc. Finché l'attività rimane media tutto va bene, appena si alza un po' il tiro sono costretta a fermarmi per il dolore.
Mi chiedo se si tratta solo di una questione di non essere abbastanza allenata oppure se é opportuno fare degli accertamenti. Ho sempre pensato fosse normale, ma oggi, leggo che questo sintomo potrebbe essere qualcosa di più. È proprio così?
Ex fumatrice (3 anni), 2 gravidanze, 33 anni, 72 kg, 160altezza, soffio al cuore diagnosticato non problematico intorno ai 20anni.
Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, anche se dal Suo racconto non si evincono particolari fattori di rischio cardiovascolare, le caratteristiche del sintomo meritano un approfondimento specialistico. Le consiglio quindi di praticare almeno una visita cardiologica con elettrocardiogramma, ed a giudizio del collega con ogni probabilità un ecocolordoppler cardiaco ed un test da sforzo.
Se tutti questi esami daranno, come mi auguro, esito negativo potrà tranquillamente continuare a praticare la Sua attività fisica.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille, mi recherò dal medico di base allora!